CNN

Si è verificato un errore nel gadget

Cerca nel blog

Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget

Pagine

Si è verificato un errore nel gadget

i Governi Nazionali Devono controllare il Web?

Loading...

lunedì 2 marzo 2015

O'Munaciello


 

[1] “O'Munaciello”

La storia che vi voglio narrare, in quest’uggiosa giornata di marzo, riguarda la [2]tragica avventura di due amanti napoletani dell’epoca rinascimentale. Entrambi, purtroppo molto giovani. I loro nomi erano: Caterina Pezza, figlia di un ricco mercante, e di Stefano Mariaconda, un povero garzone che lavorava nella casa del padre di Caterina. I due, ovviamente, s’incontravano di nascosto. Una notte, però, i due innamorati furono scoperti dalla famiglia della ragazza, mentre erano sul tetto forse pronti a fuggire. Il tentativo di fuga, purtroppo, ebbe un tristissimo epilogo. Stefano, infatti, cadde misteriosamente dal tetto e morì sul colpo. Caterina, impazzita di dolore per la perdita dell’amato, si rifugiò in convento, dove dopo nove mesi diede alla luce un bambino malaticcio e rachitico che visse, tutto il tempo della sua breve vita, in convento con le monache che incominciarono a vestirlo come un monaco per l’appunto. Quel bambino, orfano anche di madre, perché morta di parto poco dopo, così scheletrico, a causa della sua patologia, diventò, cioè, una sorta di essere magico, di spettro per le persone del convento e del borgo circostante. Una leggenda popolare, infatti, che persiste ancora oggi, diceva che, se il ragazzino si fosse vestito di rosso, allora la giornata si sarebbe mostrata buona; se, invece, si fosse vestito di nero, allora la giornata sarebbe stata lugubre. Tutto frutto della maldicenza e della diceria di vulgata, quindi, che si arricchì di un nuovo capitolo quando i parenti materni del piccolo incontrarono il simbolo della loro vergogna e lo uccisero spargendo le sue ossa al vento; trasformandolo, in altre parole, almeno così dice il popolino, in un vero spirito capace di [3]portare fortuna o sfortuna alle persone e facendosi annunciare da una folata di vento freddo o dall’ombra di un bastone. Era nata, insomma, la “La Leggenda del Munaciello”.

   Antonio Aroldo

   


 

 



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] https://www.youtube.com/watch?v=c884qPUpleE
[3] http://it.wikipedia.org/wiki/Munaciello

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate tutto e passate Parola