CNN

Si è verificato un errore nel gadget

Cerca nel blog

Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget

Pagine

Si è verificato un errore nel gadget

i Governi Nazionali Devono controllare il Web?

Loading...

mercoledì 25 marzo 2015

Le Prigioni Savoiarde della Morte


[1] “Le Prigioni Savoiarde della Morte”

 

I soldati del “Regno delle Due Sicilie”, quelli che non vollero assolutamente integrarsi nel “Neo Esercito Italiano”, furono tutti o quasi tutti deportati in veri e propri “Campi di Concentramento”. I più famosi, fra questi terribili luoghi, erano due: la [2]Prigione fortificata (oggi diremo di massima sicurezza) della città di Fenestrelle, sulle Alpi Francesi, e la prigione di San Maurizio nel Canavese in Piemonte. In tali luoghi, così infernali, furono imprigionati anche molti ufficiali napoletani. Tutta gente di stirpe nobile che, secondo il regolamento militare, doveva essere rilasciata e rimandata a casa. La vita in tali posti, chiamati da alcuni dispacci militari, “Campi di Rieducazione”, era durissima. Le celle, infatti, non erano per nulla riscaldate. Nel carcere di Finestrelle, inoltre, dopo la rivolta di massa dell’agosto del 1861, furono sfondate tutte le finestre dei suddetti vani carcerari. I prigionieri, per questa ragione, iniziarono a morire, almeno ufficialmente, di problemi polmonari.

 Antonio Aroldo

   


 

 



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] https://www.youtube.com/watch?v=Gv2W0_TwtgI

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate tutto e passate Parola