CNN

Si è verificato un errore nel gadget

Cerca nel blog

Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget

Pagine

Si è verificato un errore nel gadget

i Governi Nazionali Devono controllare il Web?

Loading...

lunedì 31 marzo 2014

Dalida Ciao Amore Ciao Luigi Tenco







 


 






















[1] “Il Caso Tenco:


Morte
e Depistaggio per Gelosia”





[2]La
vicenda della morte di Luigi Tenco ha molti punti oscuri. Tenco, tanto per fare
un esempio,



aveva
un’amante, la famosa[3]
Dalida al secolo Iolanda Cristina Gigliotti (Cairo, 17 gennaio 1933- Parigi
1987), era una bravissima cantante. Quest’ultima, miei cari lettori di Agatha
Christie, era sposata con un [4]famoso
e potente discografico di nome Lucien Morisse (Parigi, 9 marzo 1929 – Parigi,
11 settembre 1970) che, secondo alcuni, era molto geloso.



Morisse,
secondo una teoria molto accreditata infatti, avrebbe ucciso Tenco per [5]Gelosia
e poi avrebbe messo tutto a tacere usando la sua influenza. La “Direzione del
Festival, difatti, bollò subito la morte di Tenco come suicido facendo
pressioni sulla polizia, perché chiudesse in fretta il caso. Gli inquirenti,
difatti, non fecero neanche l’esame del “Guanto di Paraffina”, ne al cadavere
di [6]Tenco
e ne a Morisse. Un esame di tal genere, per essere più precisi fu compiuto
soltanto nel 2005 e solo sul cadavere di Tenco e non furono trovate tracce di
polvere da sparo, ritrovabili anche dopo cent’anni.


      Antonio Aroldo


  



 


 










[1] Tutti i
Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo

[2] http://video.corriere.it/luigi-tenco-fantasma-si-aggisa-festival-sanremo/10f07ac2-9943-11e3-89bf-8cd8af0e5a04

[3] http://it.wikipedia.org/wiki/Dalida

[4] http://it.wikipedia.org/wiki/Lucien_Morisse

[5] http://blog.libero.it/romoloricapito/11092366.html

[6] https://www.youtube.com/watch?v=CSk0zOhYH9M












Il Caso Tenco


 

 

[1] “Il Caso Tenco:

Morte e Depistaggio per Gelosia”

[2]La vicenda della morte di Luigi Tenco ha molti punti oscuri. Tenco, tanto per fare un esempio, aveva un’amante, la famosa[3] Dalida al secolo Iolanda Cristina Gigliotti (Cairo, 17 gennaio 1933- Parigi 1987), era una bravissima cantante. Quest’ultima, miei cari lettori di Agatha Christie, era sposata con un [4]famoso e potente discografico di nome Lucien Morisse (Parigi, 9 marzo 1929 – Parigi, 11 settembre 1970) che, secondo alcuni, era molto geloso. Morisse, secondo una teoria molto accreditata infatti, avrebbe ucciso Tenco per [5]Gelosia e poi avrebbe messo tutto a tacere usando la sua influenza. La “Direzione del Festival, difatti, bollò subito la morte di Tenco come suicido facendo pressioni sulla polizia, perché chiudesse in fretta il caso. Gli inquirenti, difatti, non fecero neanche l’esame del “Guanto di Paraffina”, ne al cadavere di [6]Tenco e ne a Morisse. Un esame di tal genere, per essere più precisi fu compiuto soltanto nel 2005 e solo sul cadavere di Tenco e non furono trovate tracce di polvere da sparo, ritrovabili anche dopo cent’anni.

      Antonio Aroldo

  

 

 



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] http://video.corriere.it/luigi-tenco-fantasma-si-aggisa-festival-sanremo/10f07ac2-9943-11e3-89bf-8cd8af0e5a04
[3] http://it.wikipedia.org/wiki/Dalida
[4] http://it.wikipedia.org/wiki/Lucien_Morisse
[5] http://blog.libero.it/romoloricapito/11092366.html
[6] https://www.youtube.com/watch?v=CSk0zOhYH9M



venerdì 28 marzo 2014

La Raccomandazione



[1] “Raccomandazione Internazionale per i Marò”

 

 

[2]La “Corte Suprema Indiana”, proprio nei giorni della visita di Obama, ha accolto il ricorso italiano sul caso dei due Marò. I giudici indiani, infatti, non potranno giudicare i due fucilieri italiani secondo la legislazione antiterrorismo. Questo significa che il processo è sospeso per riformulare il   “Capo d’Accusa” La domanda, insomma, sorge spontanea: centra qualcosa la raccomandazione chiesta da [3]Renzi a Obama lo scorso 27 mar. 14?                                                           Cavolo, allora, contiamo Qualcosa!!

            Antonio Aroldo

    the_end

 

 

 



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del  Presente Articolo
[2] http://www.ilgiornale.it/news/cronache/mar-accolto-ricorso-dellitalia-1005639.html
[3] http://video.sky.it/news/diretta

giovedì 27 marzo 2014

The show



 

[1] “The Show Must Go On = The Show Has Been A Shit”

Il 27 [2]gennaio 1967 moriva, in un hotel della città di Sanremo, il [3]grande cantautore Luigi Tenco. Io non voglio stare qui a sentenziare sul fatto se si trattava di Omicidio oppure no! In  questo preciso momento non mi interessa! Io, qui, voglio far emergere un dato molto importante, ma anche molto disdicevole, per non dire orribilmente scabroso. Un qualche cosa che, spero non soltanto a me, fa venire in mente solo un pensiero: “Che Schifo”. Le autorità del luogo, quella notte (rappresentate dall’ispettore Arrigo Molinari), furono spinte, secondo il Criminologo Francesco Bruno, a sminuire l’accaduto e a chiudere in fretta la questione. Tutto ciò perché, in quei giorni, c’era il “Festival di Sanremo; ragion per cui, nonostante tutto, “The show Must Go On”, “Lo Spettacolo Deve Andare Avanti. La medesima cosa accadde, sempre durante il Festival di Sanremo, nel 2005 con la liberazione di Giuliana Sgrena[4] e la fortuita uccisione di Nicola Calipari. Quella sera, infatti, il Festival di Sanremo continuo nonostante il parere contrario del Conduttore Paolo Bonolis. Mi viene in mente, cioè, solo una frase da dire: [5]“The Show Has Been a Shit”.

   Antonio Aroldo

  

 

 



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] https://www.youtube.com/watch?v=PzmgTwCAmWo
[3] http://it.wikipedia.org/wiki/Luigi_Tenco
[4] http://www.corriere.it/Primo_Piano/Esteri/2005/03_Marzo/04/sgrena.shtml
[5] http://translate.google.it/#it/en/merda

mercoledì 26 marzo 2014

Le Promesse


[1] “Le Promesse del Marinaio Renzi”

 

[2]Il nostro presidente del consiglio Matteo Renzi, lo scorso 9 marzo 2014, aveva detto, difronte alle telecamere di “Che Tempo che Fa”, che avrebbe eliminato le Dimissioni in Bianco” per le donne incinte. Beh, mi dispiace dirlo, ma aveva fatto una classica “Promessa da Marinaio”. La “Camera dei Deputati”, secondo la portavoce del “Movimento 5 Stelle” Gessica Rostellato, ha approvato, lo scorso 25 marzo 2014, una “Proposta di Legge” che, se venisse approvata anche in “Senato”, non tutelerebbe affatto le lavoratrici  Madri. Uno dei punti di tale proposta (appoggiata anche “S.E.L.”) è, infatti, l’eliminazione della “Convalida”. La Convalida, miei cari amici, è una regola secondo la quale la donna incinta, dopo aver firmato le suddette dimissioni, doveva confermarle o sconfessarle davanti a un funzionario della “Direzione Territoriale del Lavoro”. Il datore di Lavoro, quindi, potrà licenziare una donna incinta o una madre con figli fino a tre anni d’età, quando vorrà! I penta-stellati, per approfondire la questione, hanno chiesto delle “Audizioni in Aula”, ma non è stato possibile ottenerle.

Antonio Aroldo

   the end

 

 




[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] http://www.beppegrillo.it/videos/0_6x8f7k55.php


martedì 25 marzo 2014

Oscure


[1] “Oscure Convivenze e Strane Contiguità nel Bel Paese”



 

L’ex Pm, Antonio Ingroia, che si sta oggi occupando dell’amministrazione commissariata della “Società d’Informatica”- “Sicilia e Servizi”[2] (che si occupa dell’Informatizzazione dei Tribunali siciliani), lo scorso 25 mar. 14, ha licenziato ben 16 dipendenti, perché imparentati con politici e mafiosi tra questi anche la figlia del famoso Boss mafioso Giovanni Bontade. Tutto ciò, però, non ci deve stupire. Noi, infatti, siamo in un paese (l’Italia) in cui, come ha giustamente [3]ricordato la parlamentare “5 Stelle” Giulia Sarti- intervenuta alla presentazione del Libro “I Panni Sporchi della Sinistra”-  che un giorno di qualche anno fa incontrò Walter Veltroni che era impegnato in un “Comizio Elettorale a Bologna e gli chiese quale fosse il motivo per cui, il “PD” in Sicilia (elezioni del 2008), avesse candidato una persona come Vladimiro Crisafulli che, qualche tempo prima, era stato ripreso, tramite un’intercettazione video, mentre si abbracciava e si baciava con un “Boss di Cosa Nostra” di nome Bevilacqua; la sorprendente risposta di Veltroni, a questa annosa problematica, fu: “Noi Dobbiamo Garantire Tutti”.

Antonio Aroldo

  

 

                                                                                                         




[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/03/25/sicilia-e-servizi-ingroia-licenzia-16-dipendenti-compresi-parenti-di-politici-e-mafiosi/925130/
[3] https://www.youtube.com/watch?v=27yggfAF3BE

lunedì 24 marzo 2014

Un'altra Risposta


 

 

[1] “Legge Fini-Giovanardi:

 Un’Altra Risposta”

Mi ha scritto, sempre in merito alla Legge Fini-Giovanardi, un certo [2] markuro1986  che  lo scorso 24 marzo 2014, mi chiesto: “Premetto che non fumo. Ma tu sei finto? Stai scherzando? Stai parlando di una pianta, coltivata da secoli. Dagli anni '50 (in Italia) di botto ha cominciato a dare fastidio. Ma fatti delle domande serie proibizionista inebetito”. La mia risposta è Questa: sono soltanto una persona che crede in ciò che dice.

Antonio Aroldo

  

 

 

 



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2]http://alicemail.rossoalice.alice.it/cp/ps/Main/login/SSOLogin