CNN

Si è verificato un errore nel gadget

Cerca nel blog

Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget

Pagine

Si è verificato un errore nel gadget

i Governi Nazionali Devono controllare il Web?

Loading...

venerdì 22 gennaio 2010

Hillary Clinton W. il Web

Venerdi 22 Gennaio 2010


"La democrazia

passa per il web"

Internet come luogo per eccellenza della libertà d'espressione, dove la censura non può essere tollerata. Questo il messaggio chiaro che ha lanciato il segretario di Stato americano, Hillary Clinton.

Internet come luogo per eccellenza della libertà d'espressione, dove la censura non può essere tollerata. Questo il messaggio chiaro che ha lanciato il segretario di Stato americano, Hillary Clinton, in un intervento dal Newseum di Washington, (museo della comunicazione e della stampa) e trasmesso in diretta on-line in tutto il mondo.



"Non vediamo la libertà di Internet solo come una questione di libertà di informazione, ma di quale tipo di mondo vogliamo. Vogliamo vivere in una società dove c'è un solo Internet, o vogliamo vivere in un mondo dove l'informazione e la conoscenza a cui si ha accesso dipendono dal Paese in cui vivi?".

Un discorso ad ampio spettro sulle potenzialità della rete, quello di Hillary Clinton, che però non deve diventare strumento in mano a terroristi, criminali o pedofili. Internet può essere il mezzo per portare molti paesi alla libertà. In molte nazioni infatti i blog, le e-mail, gli sms hanno aperto la strada alla nuova informazione libera.



NO CENSURA, SI SICUREZZA. "Ci sono barriere e muri virtuali che vanno abbattuti, oggi, come un tempo abbiamo abbattuto i muri della repressione, e il muro di Berlino. Blog, video, messaggi, social network, hanno un ruolo fondamentale. Per diffondere verità e giustizia - ha affermato la Clinton-. Ci sono pericoli, perché la Rete aperta è stata utilizzata anche da Al Qaeda per lanciare minacce contro il mondo e reclutare terroristi. E' utilizzata per pornografia e pedofilia, per rapimenti, mercati neri. Ma non serve la censura, come hanno fatto Cina, Tunisia, Arabia Saudita, Vietnam o Uzbekistan, per combattere chi usa Internet per scopi malvagi. Continueranno a esserci e dobbiamo esserne consapevoli. Dobbiamo aumentare la sicurezza, coordinare gli sforzi contro gli hacker in grado di minacciare la nostra economia, le banche online, l'e-commerce. Dobbiamo assicurare la sicurezza dei nostri network. E i paesi o gli individui che organizzeranno cyberattacchi dovranno affrontarne le conseguenze e la condanna internazionale"



APPELLO ALLA CINA. Il segretario di Stato Usa ha rivolto un appello alle autorità cinesi di avviare una inchiesta, "minuziosa" e trasparente" sui recenti casi di pirateria informatica avvenuti nel paese. La Clinton ha chiesto inoltre alle aziende americane di rifiutare la censura su Internet, criticando di fatto l'atteggiamento che Google ha tenuto in passato in Cina, prima di subire un recente attacco informatico, censurando i risultati sul suo motore di ricerca. "Spero che il rifiuto di appoggiare la censura politica diventerà una caratteristica delle imprese americane nel settore delle tecnologie - ha detto il Segretario di Stato - vorrei che diventasse una sorta di marchio nazionale". Sull'inchiesta che la Cina dovrebbe a suo avviso svolgere, la Clinton ha detto che "ci aspettiamo dalle autorità cinesi che organizzino una inchiesta minuziosa sulle intrusioni informatiche", aggiungendo che "vogliamo inoltre che questa inchiesta e i suoi risultati siano trasparenti".

Il 12 gennaio, Google aveva minacciato di ritirarsi dalla Cina dopo avere scoperto di essere stata vittima di un attacco informatico proveniente dal paese stesso.



L'ex first lady ha inoltre ricordato l'importanza di Internet e delle nuove comunicazioni, come i messaggi telefonici, anche nella vicenda di Haiti, sia per i salvataggi che per gli aiuti e le donazioni mandate tramite la rete.

Hillary Clinton auspica la massima libertà di accesso a Internet.



LA RISPOSTA DEL GOVERNO CINESE. La Cina reagisce con durezza alle critiche rivoltele ieri dal segretario di Stato americano Hillary Clinton, che l'ha accusata di limitare il libero accesso ad Internet. In una nota pubblicata sul suo sito web, il ministero degli Esteri afferma che le accuse degli Usa "negano la realtà e danneggiano le relazioni tra i due Paesi."

"Internet in Cina è aperta e la Cina è il Paese più attivo nello sviluppo di Internet" prosegue la nota, che poi sottolinea che "alla fine dell' anno scorso i frequentatori abitualidella Rete hanno raggiunto la cifra di 384 milioni e ci sono 3,68 milioni di website e 180 milioni di blog".

Sull'idea della Clinton di creare un'unica rete mondiale: "La Cina ha la sua situazione nazionale e le sue tradizioni culturali e gestisce Internet in accordo con le sue leggi e con le pratiche internazionali. La Costituzione cinese garantisce ai cittadini la libertà di opinione" aggiunge il ministero.

La nota si conclude esprimendo la "speranza" che gli Usa "rispettino gli impegni presi dai leader dei due Paesi" per uno sviluppo delle relazioni, "portandole in una nuova fase, rafforzando il dialogo, la comunicazione e la collaborazione" e "affrontando i disaccordi e le difficoltà in modo appropriato".



LA SITUAZIONE ITALIANA. Intanto in Italia il Governo si appresta a discutere, tra le polemiche, un nuovo decreto legislativo impostato dal viceministro alle Attività Produttive, Paolo Romani, per il mondo dei media che comprende televisione, internet, pubblicità e cinema indipendente. Il decreto, che sarà discusso il prossimo 27 gennaio, suscita già molte polemiche. La bagarre si è scatenata su quattro questioni fondamentali: la cancellazione delle norme a sostegno delle produzioni indipendenti di fiction e cinema, la limitazione degli affollamenti pubblicitari per il satellite e i canali a pagamento, l’esclusione del tetto del 20% stabilito dalla legge Gasparri dei canali pay e di quelli che ripetono programmi e, infine, il giro di vite sul web, derivante dall’inclusione di internet nella disciplina riguardante i siti che trasmettono non occasionalmente immagini.



Il decreto Romani porterebbe nel web delle regole tipiche di altri media, come per esempio la televisione, con non pochi rischi per realtà ben più articolate come per i siti di file sharing. Il decreto insomma dà ai provider su internet le stesse responsabilità delle emittenti televisive, con la differenza che la tv crea e trasmette contenuti, mentre il web si limita a mettere a disposizione le proprie piattaforme agli utenti.

Dal canto suo, il viceministro Paolo Romani si difende, assicurando che il decreto “non intende censurare il diritto di informazione in rete e tantomeno incidere sulla possibilità di manifestare le proprie idee e opinioni attraverso blog e social network”. Restano perplessi gli internauti e gli operatori del settore, che vedono la proposta come un giro di vite sul web.

Multimedia

http://www.tg3.rai.it/dl/tg3/focus/articoli/ContentItem-9360ad6d-98d8-4ff3-bc86-3091d25ac36b.html

lunedì 18 gennaio 2010

W. il Web



Miei carissimi amici internauti!

Vi sto parlando col cuore in mano!

Forse avrete già letto qualche mio articolo apparso sul Web!?

Spero proprio di Si!

Mi rivolgo direttamente a voi per sottoporre alla vostra attenzione un’idea molto importante che vi ho già descritto, per sommi - capi, in alcuni articoli. Quella, in sostanza, dell’“Assemblea Costituente Internazionale per il Web”! Sarete tutti d’accordo nel dire che il Web, in quanto tale, deve considerarsi “Patrimonio dell’Intera Umanità”!? Se la risposta a questa domanda, come io spero, è affermativa, allora non possiamo permettere che un “Singolo Paese”, come l’Italia, legiferi su una materia così delicata! Il Web, questo è pur vero, è pieno di “Brutture Pedo-Pornografiche” o che incitano all’odio e alla violenza. Tutto ciò, però, deve necessariamente essere eliminato da “Esperti del Settore” e non da persone che, (non vorrei essere offensivo), dovrebbero stare, secondo il parere di molti, in un istituto gediatrico. Per questo motivo mi permetto di lanciare, attraverso il giornale on-line “Caffè News”, una sottoscrizione per concretizzare finalmente l’idea dell’assemblea costituente internazionale per il Web, l’unico organo in grado a mio parere di far leggi precisi e concrete per il mega-mondo che è il World Wide Web.

Vi prego non lasci temi solo in questa battaglia che riguarda tutto il nostro mondo che sicuramente molto più libero di una decina di anni fa.

W il Web!

Antonio Aroldo



Google e la Cina, tra presente e futuro del Web

Google e la Cina, tra presente e futuro del Web

venerdì 15 gennaio 2010

BARZELLETTA SU BERLUSCONI

Berlusconi: “Signor parroco, mi vorrei confessare.”


Parroco: “Certo figliolo, qual’è il tuo nome?”

Berlusconi: “Silvio Berlusconi, padre.”

Parroco: “Acc.. Il presidente del Consiglio!?”

Berlusconi: “Si, padre.”

Parroco: “Ascolta, figliolo, credo che il tuo caso richieda una competenza superiore. E’ meglio che ti rechi dal Vescovo.”

Così Berlusconi si presenta dal Vescovo, chiedendogli se può confessarlo.

Vescovo: “Certo, come ti chiami?”

Berlusconi: “Silvio Berlusconi”

Vescovo: “Il presidente del Consiglio? No, caro mio, non ti posso confessare: il tuo è un caso difficile. E’ meglio che tu vada in Vaticano.”

Così Berlusconi và dal Papa.

Berlusconi: “Sua Santità, voglio confessarmi.”

Papa: “Caro figlio mio, come ti chiami?”

Berlusconi: “Silvio Berlusconi”

Papa: “Ahi! Ahi! Ahi! Figliolo! Il tuo caso è molto difficile per me. Guarda qui, sul lato del Vaticano c’è una cappella. Al suo interno troverai una croce. Il Signore ti potrà ascoltare.”

Berlusconi, giunto nella cappella, si rivolge alla Croce: “Signore, voglio confessarmi.”

Gesù: “Certo, figlio mio, come ti chiami?”

Berlusconi: “Silvio Berlusconi.”

Gesù: “Ma chi? Il Presidente del Consiglio?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “L’ex amico di Craxi?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “L’inventore dello scudo fiscale per far rientrare dalle isole Cayman e da Montecarlo tutti i soldi che i tuoi amici hanno sottratto al fisco?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “L’amico dei Neo-Fascisti e Neo-Nazisti, particolare che si è dimenticato di riferire al Congresso americano?”

Berlusconi: “Ehm… si, Signore.”

Gesù: “Quello che ha abbassato dell’1% le tasse dirette e costretto comuni/province/regioni ad aumentare le tasse locali del 45% per tenere aperti asili, trasporti, servizi sociali essenziali?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “Quello che ha ricandidato 13 persone già condannate con sentenza passata in giudicato?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “Quello che ha modificato la legge elettorale in modo che siano le segreterie di partito a scegliere gli eletti e non più i cittadini?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “Quello che ha omesso qualsiasi controllo sull’entrata in vigore dell’Euro permettendo a negozianti e professionisti di raddoppiare i prezzi in barba a pensionati e lavoratori a reddito fisso?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “Quello che ha abolito la tassa di successione per i patrimoni miliardari e subito dopo ha cointestato le sue aziende ai figli?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “Quello che ha quadruplicato il suo patrimonio personale e salvato le sue aziende dalla bancarotta da quando è al governo e che dice che è entrato in politica gratis per il bene degli italiani?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “Quello che ha epurato dalla RAI i personaggi che non gradiva?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “Quello che ha fatto la Ex-Cirielli, la Cirami e la salva-Previti?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “Quello che ha fatto una voragine nei conti dello stato e ha cambiato 3 volte ministro del tesoro?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “Quello che ha dato, a spese degli italiani, il contributo per il decoder digitale per permettere al fratello di fare soldi con una società che li produceva?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “Quello che ha depenalizzato il falso in bilancio ed ha introdotto la galera per chi masterizza i DVD ?”

Berlusconi: “Si, signore.”

Gesù: “Quello che ha permesso alla Francia di saccheggiare la BNL e si è fatto prendere a pesci in faccia quando ENEL ha tentato di acquisire una società francese?”

Berlusconi: “Ehm… sono sempre io, Signore.”

Gesù: “Figlio mio, non hai bisogno di confessare. Tu devi solamente ringraziare.”

Berlusconi: “Ringraziare???? E chi, Signore?”

Gesù: “Gli antichi Romani, per avermi inchiodato qui. Altrimenti sarei sceso e t’avrei fatto un cu*o COSI’!!!”

giovedì 14 gennaio 2010

un bellissimo auto-goal cinese

“13 Gen. 10:Un Bellissimo Auto-Goal Cinese con Rovesciata Aerea (La più Grossa Cavolata compiuta da Loro)”!


“Ragazzi”!! Una “Notizia Stupenda”: l’“Azienda Proprietaria” di “Google”, il 13 gen. 10, si è fortemente scontrata con il “Governo Cinese”. Le “Autorità Pechinesi”, infatti, dopo aver imposto, all’amministrazione del più potente “Motore di Ricerca” esistente al mondo, regolamenti per la “Censura”, i filtri e quant’altro per impedire una qualsiasi forma di circolazione d’“Idee Sgradite” al regime che vige in quella parte del mondo. Google, infatti, finora, ha sempre cercato di far rispettare in pieno le disposizioni di Pechino; dicendo, a chi protestava, che questo era il volere del governo. L’“Opinione Governativa Cinese”, infatti, anche se a malincuore, ha sempre pesato moltissimo per l’amministrazione di google che ha sempre avuto il timore di perdere un mercato, così florido di “Utenti”, com’è quello cinese. I “Tecnici Informatici di Google”, alcuni giorni prima del 13 gen. 10, però, scoprono un fatto gravissimo. “Hackers”, molto probabilmente pagati dal governo cinese, sono stati beccati mentre stavano provando a crackare i “Fire-Wall” della “Posta Elettronica” di alcuni “Dissidenti Politici” dell’“Ex Impero Celeste”. La vicenda è diventata immediatamente un “Caso Diplomatico Internazionale” del quale se ne sta occupando anche Hillary Clinton. I “Proprietari di Google”, infatti, dal canto loro, per questa “Sostanziale Violazione” del patto con le autorità cinesi, hanno deciso di eliminare tutti i filtri e le censure previste da Pechino per i suoi utenti. Google, infatti, in questo momento, sta rischiando di essere escluso dal “Mercato Cinese”. La medesima Cosa potrebbe accadere anche in Italia, se dovesse essere approvata la “Proposta di Legge Carlucci”. Io capisco benissimo quale potrebbe essere il “Nobilissimo Intento” della “Bella Relatrice” di questo “Strano Provvedimento Legislativo”: liberare la rete da tutte le “Immondizie Pedo-Pornografiche” o che incitano all’“Odio” e alla “Violenza”. Tutto ciò, però, non si ottiene con il “Semplice Varo” di un’“Unica Legge” da parte di un “Singolo Paese”, che rischia solamente, di far pagare a tutti gli errori di pochi. L’unica cosa intelligente da fare in questo caso, infatti, è, secondo il mio modesto parere, convocare un’“Assemblea Costituente Internazionale” per poter dare, al mondo del cyber spazio, “Leggi Precise” basate su valori condivisi da tutti che incoraggino, la “Piazza Virtuale”, ad’ampliarsi sempre di più, consapevole del fatto, di essere rimasta, l’unico luogo al mondo, in cui l’uomo può ancora esprimere liberamente la “Sua Opinione”. Questa particolare legge, infine, sempre se fosse approvata cosi com’è stata presentata, danneggerebbe, in particolar modo, la “Categoria delle Persone Disabili”. Il web, infatti, cosi com’è strutturato ora, dà a molti di noi, la possibilità di esprimersi liberamente.



Antonio Aroldo

giovedì 7 gennaio 2010

Segreti D'Italia

IL RACCONTO/Viviamo in un Paese che da anni è sotto la morsa di consorterie occulti


Nel 1983 la Banda della Magliana si era spaccata tra due "anime"...

Emanuela Orlandi, mistero italiano

tra Vaticano, ricatti e De Pedis

di GIANCARLO DE CATALDO





LA (probabile) identificazione del (presunto) rapitore di Emanuela Orlandi, (forse) legato al boss Renatino De Pedis, personaggio di spicco dell'ormai mitizzata "Banda della Magliana". Le rivelazioni del pentito Spatuzza e la ricostruzione dei (possibili) retroscena delle stragi, ufficialmente mafiose, del '92/'93. Il rinvenimento del corpo carbonizzato di Brenda. Ci sono giorni in cui una persona normale apre il giornale e ha tutto il diritto di chiedersi: ma in che razza di Paese viviamo?



Per uno scrittore di romanzi criminali, la risposta è fin troppo facile: viviamo in un Paese che da anni è sotto il ricatto di consorterie occulte che interferiscono pesantemente con l'ordinato procedere della democrazia. Viviamo in un Paese percorso e agitato dalle scorribande di tessitori di trame che non si riescono mai ad afferrare nella loro astuta, ma talora persino trasparente, complessità. Viviamo in un Paese nel quale, in coincidenza con momenti topici di crisi economica, politica, sociale, la violenza, sia essa terroristica, mafiosa ovvero appaltata alla criminalità di strada, irrompe prepotente sulla scena. Per lanciare messaggi che soltanto "chi di dovere" è in caso di interpretare, per depistare, per condizionare, per seminare la paura o per distogliere l'attenzione generale da altre, più pressanti emergenze. Quasi che fossimo alle prese con una ormai endemica, eterna strategia della tensione.



Una strategia che si alimenta dei delitti di oggi e della bava vischiosa e torbida degli antichi misteri irrisolti. Irrisolti grazie al silenzio dei protagonisti, alla protezione di altolocati complici, alla menzogna e alla reticenza sistematicamente opposte a quei poliziotti, carabinieri e magistrati tenacemente impegnati a ricostruire, tessera dopo tessera, il mosaico. Irrisolti, infine, grazie al piombo e al tritolo con il quale "i buoni" sono stati fermati quando la loro opera si faceva troppo pericolosa.



Viviamo, in altri termini, in un Paese che ha scritto, negli anni, una sanguinosa epopea criminale. Dove, certo, non tutto è crimine, ma il crimine è una delle variabili costanti della Storia stessa. La recente storia criminale italiana ha caratteristiche così peculiari che se ne potrebbe persino tracciare una sorta di legge regolatrice, una ipotetica, amara "costituzione dei misteri". Dietro ogni crimine si può rinvenire una singolare, ferra eterogenesi dei fini. Ogni singolo crimine rimanda a un altro crimine, legato al primo da uno o più fini comuni. Il crimine si fa catena criminale.





La parola "mistero" consegna il tutto alla categoria dell'incognito. Non fa eccezione la vicenda umana e personale di Emanuela Orlandi, scomparsa da casa una sera d'estate di ventisei anni fa. Una storia che si intreccia indissolubilmente, da ventisei anni, con l'omicidio (ormai possiamo pacificamente definirlo per quello che fu: un omicidio) del banchiere Calvi, sconfinando in un intrigo internazionale che coinvolge servizi segreti stranieri e nostrani, il taciturno, riservatissimo mondo Vaticano, e, da qualche tempo, anche la Banda della Magliana.



Dall'inchiesta in corso ci si attende la risposta a domande anch'esse vecchie di ventisei anni. Nel corso del tempo si sono avanzate, su questa vicenda tanto oscura quanto straziante, svariate teorie. In estrema sintesi, tre gli scenari principali che vengono prospettati. Emanuela rapita per ricattare il Vaticano. Emanuela vittima, magari accidentale, di qualcuno interno al mondo Vaticano o comunque ad esso collegato. Emanuela scomparsa e vittima di qualcuno che non aveva niente a che vedere con il Vaticano. In queste due ultime ipotesi, un'azione criminale sarebbe stata utilizzata in un secondo momento per colpire il Vaticano: a sostegno di questa teoria, le dichiarazioni di alcune ex-spie dell'Est, che negano qualunque coinvolgimento reale nel caso e rivendicano di essersi abilmente inserite nel "gioco" con un sofisticato depistaggio.



E c'è chi sostiene (Pino Nicotri, in un suo documentatissimo saggio sulla vicenda) che furono "fonti aperte" a trasformare la scomparsa in rapimento, imprimendo una svolta decisiva, ma sciagurata, all'intera storia. Lo stesso ruolo della Banda della Magliana, adombrato da una dichiarazione televisiva dell'ex-boss e collaboratore di giustizia, Antonio Mancini, e poi ripreso dalle dichiarazioni, meno recenti e più attuali, della Minardi, non sfugge a questa alternativa: responsabilità diretta della Magliana nel fatto, o subentro, in una seconda fase, per aiutare qualcuno e danneggiare qualcun altro?



Ma altre questioni pone l'evocazione della Magliana. Delle imprecisioni nelle quali sarebbe incorsa, un anno fa, l'ultima testimone si è scritto e detto ampiamente. E infatti, sulla stampa, nei giorni scorsi, abbiamo letto di "rettifiche". In lunghissimi anni di storia processuale, poi, nel corso della quale si sono raccolte dichiarazioni sui più svariati delitti del tempo (dal caso Moro all'omicidio del giornalista Pecorelli, dalla morte di Calvi ai legami con neofascismo, logge massoniche e servizi deviati) mai si era accennato alla scomparsa di Emanuela Orlandi. O i non pochi "pentiti" del tempo di questa storia non ne sapevano niente, o sono stati accortissimi a parlare di tutto, meno che di Emanuela Orlandi.



Se fosse vera la prima ipotesi, se ne dovrebbe concludere che è improprio parlare, oggi, di un coinvolgimento della Banda della Magliana. A quanto pare, tutte le voci si riferiscono a un intervento personale di De Pedis. Come accertato dai processi, nel 1983 già la Banda si era spaccata fra le due "anime", quella più popolare, di strada, della Magliana vera e propria, e quella, più abile, spregiudicata e ben ammanicata, dei "Testaccini" di De Pedis. Fra capi e gregari era iniziato il regolamento dei conti, che sarebbe culminato, nel febbraio del '90, con l'uccisione dello stesso De Pedis.



La diffidenza regnava sovrana. Alcuni segmenti operativi dell'organizzazione agivano per proprio conto, spesso e volentieri all'insaputa gli uni degli altri. Ad esempio, l'uccisione di Danilo Abbruciati nel corso dell'attentato al vicedirettore dell'Ambrosiano, Rosone (Milano, aprile 1982) è un'azione che implica il coinvolgimento di un malavitoso di alto spessore, sicuramente legato alla Banda, in un delitto molto più complesso di una rapina o di un traffico di droga, sia pure su vasta scala. Sta di fatto che "quelli della Magliana" apprendono la notizia dal Telegiornale, e restano non poco sorpresi.



Possibile che sia andata così anche per Emanuela Orlandi? L'Italia, lo ripetiamo, ci ha abituato a tutto. Sappiamo che la Magliana, nelle sue varie anime, fu una holding criminale dai contorni tuttora inesplorati: ma sarebbe pericoloso, e fuorviante, farne un "brand" multiuso, una sorta di contenitore utile per l'attribuzione della paternità di delitti "scomodi". Sta di fatto che, con buona pace di revisionisti e normalizzatori, e dell'imperante narcosi da avanspettacolo, i misteri italiani continuano a ossessionarci con le loro domande irrisolte. E il grumo nero che opprime la nostra democrazia è ancora vivo, vegeto e operante. Si tratta di capire, oggi, chi lo rappresenta, come agisce, e per quali scopi. Non è facile, ma nemmeno impossibile.

http://www.repubblica.it/2009/11/sezioni/cronaca/caso-orlandi/decataldo/decataldo.html

Paura

Chi non ha paura di morire muore una volta sola. Chi invece ha paura di vivere è morto in partenza. E allora perché avere paura? Cos'è la paura? Un intenso turbamento? Preoccupazione per il futuro?Inquietudine per un pericolo? Timore che i dossier Telecom/Sismi sullo spionaggio riguardino politici eccellenti dell'opposizione? Terrore che l'agenda rossa di Borsellino emerga dal passato e inchiodi i padri della seconda repubblica? La paura è un investimento. Nulla rende più della paura. E' il miglior titolo di Borsa.


La paura è un paradosso. I mafiosi dovrebbero avere paura dello Stato, ma sono i giudici a essere sotto scorta. I politici predicano sicurezza per i cittadini, ma sono loro a girare con le guardie del corpo. In Italia abbiamo novanta testate nucleari americane a Ghedi Torre e ad Aviano, ma nessuno si preoccupa. La paura è un business elettorale, chi impaurisce la popolazione e diventa difensore della massa degli impauriti vince le elezioni. "Sono il lupo cattivo" diceva Jack Nicholson con un'ascia in mano in "Shining". In una classifica nazionale dei fobici, i politici italiani sono, senza alcuna discussione, al primo posto. Chi ha più paura di loro? Chi ha veramente paura della mafia, della camorra, della 'ndrangheta che non possono essere prese per il culo come gli elettori. Per ogni paura c'è il lodo su misura, prima il Lodo Alfano e poi il Lodo Graviano di inizio anno. Il terrorismo islamico se volesse farebbe saltare San Pietro e la Torre di Pisa. Con la paura del feroce Saladino ci hanno fracassato le palle per 10 anni, introdotto leggi sulla sicurezza con l'unico obiettivo di controllarci meglio. Eppure, in un decennio, dalle Due Torri, il terrorismo islamico in Italia non ha fatto una sola vittima. Non è stata Al Qaeda a uccidere a Messina, all'Aquila, a Viareggio, ma l'Antistato. Un islamico, Abu Omar, è invece stato rapito in questo Paese, grazie all'Antistato, e consegnato all'Egitto perché fosse torturato con comodo.

Quando la paura diminuisce (può succedere) allora arrivano le bombe o le bombette, come quella all'università Bocconi a dicembre. I bombaroli e i servizi segreti hanno creato per un ventennio quel giusto clima di paura per il Potere. Senza quella paura non avremmo avuto Craxi, Andreotti, Cossiga e forse, chissà, CIA permettendo, Berlinguer sarebbe diventato presidente del Consiglio.

Nel 2010 ci sarà la paura della Rete, dei blog, di Facebook. Ci spaventeranno i temibili guerriglieri afgani e iraqeni. Tremeremo come foglie per il clima d'odio causato da terroristi mediatici, ma anche per l'influenza cavallina (quella aviaria e suina se le sono già giocate). Ogni paura ha il suo Cavaliere Bianco, noi abbiamo avuto solo un Cavaliere Sporco che più Sporco non si può. La conoscenza è il miglior antidoto alla paura. Ognuno conta uno e ognuno può informare molti. "Non sono i popoli a dover aver paura dei propri governi, ma i governi che devono aver paura dei propri popoli”. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure.
http://www.youtube.com/watch?v=yuLkS_annFo

martedì 5 gennaio 2010

Dentro l'Opus DEI

L'Opus Dei è un'organizzazione che può influenzare le scelte dello Stato. Il suo linguaggio è simile a quello dei puffi, capire i suoi aderenti non è facile. Al posto di "puffare" usano la parola "pitare". Ci sono i "numerari" i "sopranumerari" e i "piani inclinati" e un Presidente al posto del "Grande Puffo". Nell'intervista, Emanuela Provera, autrice di: "Dentro l'Opus Dei" descrive un'organizzazione segreta che mantiene segreti i propri documenti. E spiega che: "Quasi la metà di tutti i collegi universitari legalmente riconosciuti fanno capo all’Opus Dei... Tutto ciò che riguarda l’introduzione nel nostro Paese del credito al consumo in un certo senso è targato Opus Dei". Stalin si chiese: "Quanti divisioni ha il Papa?". Io mi chiedo quanti ministri, banchieri, militari sottosegretari, presidenti di associazioni pubbliche fanno parte dell'Opus Dei? E a chi rispondono: all'Opus Dei o allo Stato?
E come intervengono sulla vita pubblica del nostro Paese?

Intervista a Emanuela Provera, autrice del libro: "Dentro l'Opus Dei".

"Sono Emanuela Provera e ho scritto “Dentro l’Opus Dei" con Chiarelettere, dopo aver partecipato alla stesura di “Opus Dei Segreta” con Ferruccio Pinotti tre anni fa. Il libro “Opus Dei Segreta” nasce da un’esperienza di forum on-line in cui hanno partecipato persone, uomini e donne che, come me, hanno avuto un’esperienza nell’Opus Dei per vari anni. All’interno del forum ci sono sia persone passate per la prelatura per un periodo breve e persone che hanno vissuto all’interno dell’Opus Dei dieci, venti o più anni. Il forum è stato un’esperienza di confronto e quindi è nato innanzitutto con l’obiettivo di parlare tra noi, perché l’esperienza di uscita dall’Opus Dei è un’esperienza di isolamento, le persone che escono da questa istituzione per lo più pensano di essere le uniche, per cui è difficile creare una situazione di confronto, di dibattito e di discussione. Il secondo obiettivo è stato quello di divulgare le riflessioni e i contenuti del nostro confronto, lo strumento più idoneo, quello che poteva arrivare a più persone possibili sarebbe stato proprio la stesura di un libro.
Perché il libro l’ho scritto io e non altri del forum? Perché generalmente, ad oggi, la maggior parte delle persone che esce dall’Opus Dei preferisce non esporsi pubblicamente e in modo così forte e trasparente, c’è molto timore, probabilmente anche perché siamo in Italia, siamo in un Paese dove ci sono molti intrecci tra il mondo ecclesiastico, il mondo politico e il mondo istituzionale.

Una prelatura personale
Molte delle persone che partecipano al forum hanno posizioni professionali che vogliono tutelare e proteggere, per cui all’interno del libro sono state raccolte delle testimonianze mantenendo e custodendo la riservatezza delle persone. Ci tengo a dire una cosa, uscire dall’Opus Dei non significa abbandonare la Chiesa, la Chiesa Cattolica; sapete che l’Opus Dei è una prelatura personale che fa parte della gerarchia costituzionale della chiesa cattolica e dipende direttamente dal Papa, attraverso la congregazione dei Vescovi. Alcune persone che hanno collaborato a questo libro e che hanno fatto parte del forum mantengono tutt’ora una pratica di vita cristiana: anzi, sono dovute uscire dall’Opus Dei per continuare un percorso spirituale. Uno dei temi di cui abbiamo discusso maggiormente all’interno del forum è stato quello dei giovani indotti a seguire la vocazione all’Opus Dei da parte dei cosiddetti direttori dell’opera, che sono entrati nella prelatura a 14 /15 /16 /19 o 20 anni, ossia in un’età in cui è difficile fare scelte vitali, o meglio è un’età in cui ci si prepara a fare scelte vitali, scelte importanti. Avendo fatto entrare queste persone in un’istituzione così totalizzante, ossia in un cammino vocazionale vero e proprio, si è esercitata una violenza psicologica molto forte: per esempio, vorrei leggere alcuni passi di alcuni di loro, che hanno raccontato la loro storia. “I miei genitori erano sopranumerari, sei figli, club fin da piccolissimo, messo sul piano inclinato (percorso di cammino vocazionale [ndr]) verso i 14 anni e mezzo, uscito dopo aver pitato (pitare: termine mutuato dallo spagnolo, significa fischiare, o annunciare la propria voglia di unirsi all'Opus Dei [ndr]) prima dei 16”.
Un altro racconta “ho iniziato a frequentare l’Opus Dei a 14 anni all’Aspra di Milano, ho pitato l’anno dopo, nel 1977”, quindi a quindici anni questo ragazzo è diventato dell’Opus Dei. Un’altra ragazza dice “figlia di soprannumerari, ho frequentato la scuola Fais e il club finché, naturalmente, ho chiesto di diventare aspirante numeraria”, che cosa vuole dire aspirante? Vuole dire che ancora non si è giuridicamente dell’Opus Dei, ma si viene formati a una spiritualità che è quella dei numerari.
I partecipanti al forum, da cui è nato questo libro, hanno fatto parte dell’Opus Dei come membri numerari: che cosa significa? E’ una particolare categoria di membri dell’Opus Dei che, per chiamata di Dio - così si dice all’interno della prelatura - rinunciano al matrimonio e conseguentemente perseguono una vocazione al celibato apostolico, ossia dedicano tutte le proprie energie sia interiori che anche i propri possedimenti, il proprio denaro, dedicano tutto ciò allo sviluppo della prelatura dell’Opus Dei nel mondo; proprio per il fatto di essere numerari l’Opera li può mandare in qualunque parte del mondo a aprire nuovi centri dell’Opus Dei e quindi a sviluppare iniziative o attività direttamente legate alla prelatura. Quando una persona entra nell’Opus Dei come numerario o come numeraria, percorrendo il cosiddetto piano inclinato, che è un percorso specifico, viene indotta a lasciare la propria famiglia; senz’altro l’adolescente ha bisogno di staccarsi dal proprio contesto sociale e quindi l’Opus Dei trova un terreno fertile, perché il giovane trova nell’Opus Dei una seconda famiglia, per cui si stacca volentieri dai genitori come senso di emancipazione, per trovare nell’Opus Dei una seconda famiglia per rimanervi tutta la vita, senza mai elaborare un percorso personale di crescita. Ecco perché nell’Opus Dei ci sono numerari e numerarie che restano eternamente bambini: ogni scelta, ogni decisione, ogni attività pratica anche quotidiana i membri numerari e le numerarie la consultano con il proprio direttore. Questa mancanza di libertà nella conduzione della propria vita blocca il processo di consapevolezza, per cui ci sono persone di 30 o 40 anni che sono veramente alienate da sé stesse, per cui a volte purtroppo si arriva a fenomeni anche di sofferenza psicologica.
Le persone che partecipano e hanno partecipato al forum non hanno l’obiettivo di distruggere l’Opus Dei o di fare in modo che non sviluppi più la propria azione nel mondo: l’obiettivo che si propongono è di denunciare queste situazioni di sofferenza psicologica e di persone giovani che entrano a far parte dell’Opus Dei come numerari e come numerarie. Perché l’Opus Dei cessi di condurre un’azione di proselitismo così aggressiva, è importante che modifichi i propri Statuti: per esempio, eliminando il riferimento alla figura dell’aspirante numerario. Non è facile che la prelatura, comunque protetta dalle istituzioni nel nostro Paese, in Italia, affronti un’autocritica così radicale; sicuramente ci sono state persone in Italia che hanno appoggiato l’azione di ex membri dell’Opus Dei: mi riferisco in particolare a due interpellanze parlamentari, ossia quella dell’86, sollevata da Rodotà, Bassanini e Minervini, e l’interpellanza parlamentare del 2007, sollevata invece da Galante e Licandro. Nel libro ho ripreso l’attualità dell’interpellanza dell’86, che voleva fare in modo che l’Opus Dei venisse dichiarata associazione segreta: effettivamente né alla prima interpellanza né alla seconda c’è stata una risposta pertinente da parte delle istituzioni politiche. Le risposte che sono state date a queste interpellanze le definirei come dei comunicati stampa dell’ufficio informazioni dell’Opus Dei. Bisogna invece arrivare alla verità del problema: è vero, secondo l’interpellanza dell’86, che esiste tutta una documentazione secretata, che non è ufficiale e che, per quanto mi risulta, non è conosciuta neanche dalla chiesa cattolica, per cui è interessante che le istituzioni chiedano all’Opus Dei di rendere pubblica questa documentazione. Sono pubblicazioni interne, che vengono editati e pubblicati all’interno della prelatura: vi chiederete: “ma come fanno essere pubblicati e editati i testi e a rimanere segreti?”, esiste una tipografia, ma è una tipografia interna, non è una società, una Srl conosciuta ufficialmente e pubblicamente da tutti e questo è ciò che ha sollevato l’interpellanza dell’86. Nel 2007 sono stati equiparati i collegi universitari pubblici a quelli privati, ai fini dell’ottenimento di alcuni finanziamenti per l’edilizia universitaria: questo che cosa significa? Quasi la metà di tutti i collegi universitari legalmente riconosciuti fanno capo all’Opus Dei, quindi un numero altissimo di centri dell’Opus Dei riceve finanziamenti pubblici.

Sacra potestas e obbedienza
Con il libro che ho scritto, al quale hanno collaborato altri partecipanti del forum, ci interessa in modo particolare rivolgerci alle istituzioni ecclesiastiche: negli Statuti dell’Opus Dei, che sono stati introdotti nel 1982, quando l’Opus Dei è stata eretta da Karol Wojtyla in prelatura personale, all’interno di questi Statuti si dice che i laici della prelatura debbono obbedire a coloro che, nell’Opus Dei, hanno la sacra potestas, ossia il prelato e i suoi vicari. Il prelato dell’Opus Dei attualmente è Monsignor Xavier Cebarria, per quanto riguarda il rispetto del codice di diritto canonico effettivamente è corretto quanto affermato dagli Statuti. Quella che però noi del forum abbiamo riscontrato è stata una prassi vissuta quotidianamente per tanti anni, una prassi che violava le prescrizioni del Codice di diritto canonico, laddove ci veniva detto che i membri laici dovevano obbedire all’interno dell’Opus Dei ai direttori dei membri laici non dotati di sacra potestas che svolgono due funzioni: una funzione di governo vera e propria, di direzione della prelatura, quindi l’organizzazione, chi mando a aprire un nuovo centro a Parigi piuttosto che in Russia. Quindi svolgono una funzione relativa all’organizzazione e al foro esterno, ma anche al foro interno, di direzione spirituale, che i membri direttori laici privi di sacra potestas indirizzano la coscienza delle persone e violano quelli che sono i contenuti del Codice di diritto canonico. Per cui vorremmo che le istituzioni ecclesiastiche conoscessero questa situazione e svolgessero un’indagine appropriata per ristabilire una prassi di normalità e di correttezza all’interno della prelatura. Quindi noi, che abbiamo vissuto dentro, all’interno, ci siamo chiesti: “ma come è possibile che dichiariamo e raccontiamo alle persone esterne una vita, uno spirito e uno stile che poi, all’interno, non viviamo, perché abbiamo un linguaggio nostro e abbiamo dei codici e dei modi di dire che sono sconosciuti a tutti gli altri?”.
Da una parte chiediamo alle istituzioni politiche di intervenire per il controllo di una situazione che non è trasparente e, nello stesso tempo, anche alle istituzioni ecclesiastiche di svolgere un’indagine affinché ritorni una situazione di maggiore dignità nei confronti delle persone che attualmente vivono all’interno di quest’istituzione, un’istituzione che sta acquisendo una forza particolare all’interno dello Stato italiano. Il futuro presidente della Banca Vaticana dello IOR, Ettore Botti Tedeschi, è un membro di spicco della prelatura in Italia e sappiamo che Ettore Botti Tedeschi è legato in modo particolare al mondo finanziario, è il principale rappresentante del gruppo consiliare Santander in Italia, per cui tutto ciò che riguarda l’introduzione nel nostro Paese del credito al consumo in un certo senso è targato Opus Dei. Conseguentemente, attribuendo a questa persona un incarico così importante, ne viene rafforzata l’immagine della prelatura: non è facile che le istituzioni ascoltino il nostro appello. Il libro è il primo passo verso un percorso di informazione e di divulgazione al quale teniamo molto." Emanuela Provera













http://www.youtube.com/watch?v=HE_Qgwl-730&fmt=8

Identità sul Web

La grande Missione della Chiesa nella rete.




Cari amici,



Uno dei web-fenomeni che desta più interesse (e preoccupazione) è la possibilità che i giovani hanno in rete di sperimentare più identità.



I risultati di una recente inchiesta indicano che il 44% degli intervistati afferma che la propria identità online è diversa da quella della propria vita reale. Per cui una gran parte dei giovani usa la rete per sperimentare varie personalità e idee di se stessi nel percorso verso l’età adulta…



Sarei grato a quanti trovassere un pò di tempo per leggere la newsletter e condividessero con me le loro preziose riflessioni:



http://www.solidarity-mission.it/nl_dicembre_2009.htm#newsletter



Grazie in anticipo e colgo l’occasione per augurare a tutti un Santo Natale e un felice anno nuovo!







Dio vi benedica sempre!



Don Bruno Oliviero - Cappellano del Carcere di Poggioreale - Napoli -



www.solidarity-mission.it



www.solidarity-mission.eu



--- TUTELA PRIVACY ---



AVVERTENZA - Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196, in materia di protezione dei dati personali, che prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Sicurezza dei dati: I tuoi dati personali saranno trattati esclusivamente con mezzi elettronici e non saranno condivisi né comunicati a terzi, né in Italia, né al di fuori del nostro paese.



Cancellazione/correzione/aggiornamento dei dati personali: Gli indirizzi e-mail a cui inviamo il nostro notiziario telematico provengono da amici e conoscenti e da contatti avuti sulla rete. Ai sensi dell'art. 7 della legge 196/2003, hai il diritto di chiedere, in qualsiasi momento, l'accesso, la cancellazione, la modifica o l'aggiornamento dei tuoi dati personali, inviando un messaggio dall'indirizzo interessato a padrebruno@solidarity-mission.it



AVVERTENZA LEGGE SU COPYRIGHT La presente newsletter ed il sito ad esso collegato sono esenti da qualsiasi tipo di attività lucrativa, privi di inserti pubblicitari o commerciali. Il materiale multimediale presente può essere ancora soggetto al Copyright dei rispettivi autori. In questo caso il nostro unico scopo è di promuovere le opere citate. Le citazioni delle opere e degli autori ed i relativi link sono presenti nelle singole pagine. Qualora gli eventuali titolari di diritti su testi, immagini e musiche si dovessero ritenere danneggiati, siamo pronti ad ogni modifica e/o cancellazione. Per contattarci scrivere a padrebruno@solidarity-mission.it

sabato 2 gennaio 2010

2012

“2012: Apocalisse Scientificamente Annunciata”




Il “Nord” è realmente a “Nord”!?

Non necessariamente!

Il “Nord”, un giorno non lontano, potrebbe spostarsi a sud. Gli esperti, infatti, da molto tempo, hanno previsto un’inversione della polarità magnetica terrestre con un conseguente caos magnetico.

La terra, protetta dal suo scudo magnetico, si trova a 150 milioni di Km dal sole. Una grande esplosione solare, però, potrebbe eliminare questa fragilissima difesa.

Una tale detonazione sulla superficie della nostra stella cardine, pari a 40 miliardi di bombe di Hiroscima, causerebbe un vero e proprio bombardamento di radiazioni solari con la conseguente emissione di forti onde elettromagnetiche. Questo “Sconvolgimento Cosmico”, inoltre, provocherebbe drastiche fluttuazioni nella forza del campo elettromagnetico terreste. La conseguente bufera elettromagnetica potrebbe distruggere i sistemi radio-televisivi e sopraccaricare le linee elettriche eliminando, in questo modo, non soltanto tutte le centrali elettriche, ma anche tutta la rete informatica internazionale. Un simile evento successe in Canada nel 1989. problemi del genere accadono, infatti, ogni dieci, undici anni, quando cioè, si verifica un’inversione della polarità magnetica del sole. Anche il campo magnetico terreste potrebbe, però, subire un’inversione, facendo così diventare il caos magnetico una costante della nostra quotidianità.

La genesi del campo magnetico terreste, ha sempre affascinato gli studiosi. Albert Einstein, anche dopo aver risolto l’enigma della relatività, continuava a considerare il geo-magnetismo come uno dei più grandi misteri della fisica moderna; i suoi effetti pratici sono stati, in sostanza, notati per secoli sull’ago della bussola, ma noi oggi, sappiamo che, tutto ciò, è qualcosa di più di un semplice metodo per riuscire a individuare il nord. Questa immensa forza geo-magnetica, (antica quanto il nostro pianeta), ha la sua origine, direttamente dal cuore del globo. Essa si propaga, verso lo spazio esterno, in modo continuo e istantaneo, direttamente dal nucleo terreste. Tale energia ha effetti sulle comunicazioni e sulla navigazione. Gli abitanti della terra hanno dovuto, (e dovranno ancora), adattare a essa la propria tecnologia; quella stessa tecnologia che questo medesimo scudo d’energia difende da attacchi esterni. Questa grandiosa potenza naturale, può inoltre, creare forme di vita e può eliminarle. Di tanto intanto, infatti, interrompe il suo flusso subendo un’inversione con effetti disastrosi.

Nel laboratorio nazionale di Los Alamos nel nord del New Mexico, Gary Glaztmaier, ha usato un complesso modello matematico per raffigurare il campo magnetico terreste in mutamento. La sua intricata animazione a computer mostra le linee di forza magnetica che si diffondono dalle viscere del globo.

Ci sono voluti molti anni e differenti tentativi, a questo esperto, per riuscire a creare un’immagine tridimensionale precisa delle forze geo-magnetiche che permettono all’ago della bussola d’indicare il nord. Per fortuna, questa volta, Glatzmaier è riuscito a compiere un ottimo lavoro; egli, infatti, né è stato, addirittura, stupito. Grazie a tale modello, secondo sempre questo specialista, ora sappiamo che “il Nucleo Interno del pianeta, (il nucleo solido sotto a quello fluido), sta ruotando in modo leggermente più veloce rispetto alla superficie della terra”. Gli studi sismici confermano i dati rilevati dal modello di Glatzmaier. Lo studioso è rimasto sorpreso, anche perché. il suo gruppo stava cercando di riprodurre solamente un campo magnetico che risultasse simile a quello terreste; quando, invece, all’improvviso c’è stata, automaticamente l’inversione dei poli del campo magnetico tridimensionale, gli analisti sono rimasti, a dir poco, sbalorditi. Tale inversione, inoltre, riferisce Glatzamaier, assomigliava moltissimo al capovolgimento posto in luce “dall’analisi Paleo-Magnetica del campo magnetico terreste”. Per i geo-fisici, tutto ciò, significa compiere un grosso passo avanti, perchè conferma concretamente, le loro teorie sul funzionamento della forza magnetica terreste e lasciando intravedere il processo di creazione del caos magnetico. “East New Hear”, in Scozia, è uno dei duecento centri specializzati nell’osservazione e nello studio del campo magnetico terreste. Uno dei responsabili di questo centro, il geologo David Barraciough, spiega che tutti gli uomini impegnati a lavorare li, sono obbligati a usare “strumenti isolati”; cosi com’è, completamente isolata, l’intera struttura dell’osservatorio. queste particolari condizioni di lavoro, servono a poter misurare, con la massima precisione, il campo magnetico terreste senza alcuna interferenza d’altri campi magnetici artificiali. In tale luogo, infatti, chiavi e accessori vari sono fatti d’ottone ossia un materiale non magnetico. Tutti gli altri oggetti, invece, necessariamente composti con materiali magnetici, (ferro e acciaio), sono stati eliminati, d’alcuni edifici, in modo tale che non interferiscano con il lavoro dei magnetometri. I macchinari dell’osservatorio scozzese sono in grado d’individuare dei leggeri flussi di corrente, prodotti per induzioni nei circuiti elettrici quando cambia il campo magnetico che le circonda. Gli esperti analizzano il campo magnetico fin dal 16° secolo. Le misurazioni compiute dagli studiosi hanno dimostrato che i poli magnetici non sono nello stesso punto dei poli geografici. Quelli magnetici, infatti, si spostano con la rotazione terreste. Quest’ultimi, inoltre, non si comportano, affatto, come dei normali magneti. Il magnetismo terreste, quindi, è un campo di forza dinamico e vivo. Gli analisti, in sostanza, afferma Barraciough, credono che “la maggior parte del campo magnetico terreste abbia”, come si è già affermato, “origine nel Nucleo”. Lo studioso di East Hear, per poter spiegare la struttura del globo terreste, la paragona a un semplice uovo sodo. “Il guscio dell’uovo rappresenta la sottile crosta rocciosa della terra in cui viviamo, il bianco dell’uovo è il mantello e il torlo è il nucleo”. Si crede che una parte del nucleo sia composto da ferro allo stato liquido mantenuto in movimento da correnti termiche e dalla rotazione terreste; come la dinamo di un generatore elettrico, questo ferro in movimento, crea correnti elettriche d’immensa potenza e un enorme campo di forza magnetica. Tutta questa energia elettromagnetica, inseguito, avvolge l’intero pianeta e si propaga verso lo spazio esterno. Una turbolenza del flusso è in grado di far spostare i poli. “Le prime osservazioni del campo magnetico, effettuate a Londra, fecero notare che l’ago di una bussola puntato verso il nord era spostato di 6 o 7 gradi a est rispetto al nord effettivo. Nel 1666, circa, l’ago della bussola puntava sul nord effettivo; nei primi anni del 19° secolo, ci fu un’oscillazione a ovest e l’ago puntò a circa 18 gradi ovest del nord effettivo; oggi punta a 5 gradi a ovest”. Tutto ciò sta a indicare che il nostro campo magnetico s’indebolisce sempre più. I poli magnetici terresti, quindi, stanno, molto probabilmente, per invertire le loro posizioni; cosa che, in passato, è già accaduta. La prova di questa inversione è prodotta dalle rocce vulcaniche. Quando esse si raffreddano, infatti, le minuscole particelle magnetiche interne s’allineano, in modo automatico, con il campo magnetico terreste. Tale materiale roccioso, infatti, molto probabilmente, contiene una quantità tale di questi corpuscoli magnetici, da possedere dentro di se, una sorta d’ago magnetico costantemente incatenato all’evoluzioni del campo magnetico terreste; in perenne attesa, quindi, di essere portato alla luce dagli esperti. I geologi, all’inizio del ventesimo secolo, scoprirono un segreto. Alcune rocce, infatti, avevano le loro bussole naturali, che puntavano verso sud invece che verso nord. La risposta, a questo enigma, si trova, secondo gli esperti, nei fondali oceanici.

Alla fine degli anni 50, infatti, gli analisti, di questa particolare scienza, studiarono il magnetismo delle rocce esistenti in profondità. Rocce raccolte, vicino alle faglie oceaniche mostrarono la presenza di bande alternanti di magnetismo lungo la spaccatura. Tutto ciò sta a significare soltanto una cosa: ossia che, periodicamente, il nostro campo magnetico, s’interrompe cambiando, a intervalli regolari, anche la sua polarità. Ciò accade quando nuove rocce sono eruttate da una qualsiasi faglia. Secondo lo schema degli eventi, susseguitesi negl’ultimi 40 milioni di anni, la prossima inversione è in ritardo di 530 mila anni. Le rocce, infatti, indicano che il nostro campo magnetico, nei prossimi due mila anni, s’indebolirà. Tutto ciò potrebbe, quindi, significare che il declino verso il caos magnetico è già iniziato. “Se la presente tendenza del campo di forze continuerà”, afferma Barraciough, “possiamo aspettarci l’Ora Zero; cioè di trovarci al centro di un’inversione totale nel giro di circa 1400 anni; diciamo in torno all’anno 3400”.

Tale ipotesi, se confermata, potrebbe darci il tempo d’approntare le contromisure necessarie; una nuova scoperta, però, potrebbe invalidare questa teoria. Nello Stato dell’Oregon, esiste un vulcano di 16 milioni d’anni chiamato la “Steens Mountain”. Alcuni scienziati, dell’istituto geologico americano, lavorando qui, hanno osservato che le rocce di Steens Mountain indicano una “Media del cambiamento magnetico” più veloce di quanto previsto precedentemente. Il geologico Ed Mankinea, afferma che: “il risultato delle ricerche, a Steens, è molto speciale per il fatto che il vulcano era in piena era in piena eruzione nel periodo di transizione polare”. Gli esperti, quindi, sono stati molto fortunati a trovarsi vicino “al centro eruttivo”. Essi, infatti, sono stati in grado di “raccogliere i dati più precisi che siano mai stati trovati in qualsiasi altra parte del mondo”. Gli analisti, inoltre, hanno scoperto che, nei pressi della Steens Mountain, “il campo cambia in modo imprevedibile. Alcune volte”, infatti, “Cambia molto Rapidamente”. Gli esperti, infatti, hanno “indicazioni del fatto che può arrivare, ad alcuni gradi al giorno, man mano che la lava si raffredda”. La Steens Mountain, ci conferma che i poli, possono spostarsi, cosi rapidamente durante un’inversione, da poterci far osservare, gli effetti di questo cambiamento, sull’ago della bussola. Se ciò dovesse accadere, in maniera cosi repentina, il nostro mondo ne verrebbe capovolto. Nella peggiore delle ipotesi, infatti, le tempeste solari paralizzerebbero i grandi centri urbani causando “Black Aut Energetici” eliminando sia la luce elettrica, sia il riscaldamento; senza i semafori i trasporti verrebbero bloccati da ingorghi terribili; le ferrovie non sarebbero una soluzione, perché i treni elettrici, s’arresterebbero immediatamente; cesserebbero, di colpo, le telecomunicazioni, sia televisive, che telefoniche, furti, sommosse e saccheggi dilagherebbero per le strade. Tutto ciò potrebbe portare alla distruzione dei nostri mercati finanziari e al conseguente collasso economico mondiale.

Lo sconvolgimento, però, non sarebbe rilegato, soltanto, alle nostre città; immaginate, infatti, di essere in volo su l’oceano. La strumentazione di navigazione e di comunicazione, all’improvviso, (sempre a causa del caos elettro-magnetico), non funzionano più; in quel caso, cosa accadrebbe?

Immaginate, poi, un qualsiasi paese senza “sistemi di difesa; cioè muto senza sistemi di comunicazione, cieco senza l’osservazione satellitare per potersi difendere da un eventuale attacco nemico e con i sistemi-guida dei missili fuori uso.

Anche senza un totale caos magnetico, un forte indebolimento del nostro campo magnetico, sarebbe già un gravissimo problema. Malgrado, infatti, l’avvento del sistema di posizionamento satellitare, le bussole magnetiche servono ancora, come strumento base, per la navigazione delle navi e degli aerei. Le compagnie petrolifere per le ricerche e la trivellazione scientifica del sottosuolo, infatti, usano ancora le misurazioni del campo magnetico per riuscire a posizionare in maniera precisa le trivelle. Molti satelliti artificiali della terra, inoltre, possono essere mandati fuori rotta dal mutamento del campo magnetico terreste. Il campo di forza magnetico terreste, inoltre, fa parte anche di un ombrello cosmico che aiuta a mantenere integro lo strato protettivo di particelle cariche e che chiamato iono-sfera. Il campo stesso devia alcune di queste stesse particelle verso i poli geografici. Tutto ciò protegge la nostra tecnologia dall’effetto delle radiazioni cosmiche.

Non è soltanto questo, però, a essere minacciato dal caos magnetico; anche gli esseri viventi, infatti, ne verrebbero colpiti.

Gli effetti, del magnetismo sugli oggetti di ferro e acciaio, sono molteplici. Uno di questi effetti è la lievitazione. Aumentando la potenza del magnetismo, però, i medesimi effetti si potrebbero avere anche sugli esseri viventi; proprio com’è accaduto, a un grillo sottoposto a un esperimento di lievitazione, compiuto dal fisico inglese, Andrey Geim. Egli spiega che: “ogni cellula vivente, viva o morta che sia, è formata da molecole; quando vengono attraversate da un campo magnetico tutte le molecole si magnetizzano. Questo fenomeno viene chiamato magnetismo; quindi le cellule, a contatto con una forza magnetica, diventano magnetiche; questo è il motivo, per cui le rane o qualsiasi altra creatura, ( incluso l’uomo), reagiscono al campo magnetico e possono essere forzate a lievitare”. Il campo magnetico della terra è centomila volte più potente di quello usato da Geim. Le creature viventi, però, sono molto sensibili ai suoi effetti. Le talpe, ad esempio, passano la loro intera vita sotto terra; in altre parole, senza la luce del sole o delle stelle a farli da guida; nonostante ciò, questi animali, scavano le loro gallerie seguendo una specifica linea nord-sud e le loro tane sono sempre a nord di questi tunnel. Ciò si può spiegare, soltanto, affermando, che queste creature, riescono ad avvertire la direzione del campo magnetico. Gli scienziati, infatti, credono che una sostanza simile al ferro, chiamata magnetite, giochi un ruolo importante in questo “Senso Magnetico” ed è stato trovato in molte specie importanti incluso l’uomo. Tra queste specie di animali, che all’interno del loro organismo, posseggono una “Bussola Naturale”, vi sono anche le api. Queste graziosissime creature sfruttano il loro cosiddetto senso magnetico per riuscire ad individuare i fiori carichi di nettare. L’impollinazione delle api produce un terzo delle nostre riserve di cibo. Non si formerebbero i frutti, se infatti, questi animaletti, non compissero bene il loro lavoro. Gli esperti affermano che gli animali, nel caso in cui, dovessero affrontare una nuova polarità del campo magnetico terreste, troverebbero nuovi meccanismi di sopravvivenza, nell’arco di una generazione. Le cose, però, rischierebbero di essere molto differenti e pericolose nel caso in cui si dovesse arrivare a una lunga fase di transizione senza, quindi, la forza dei poli magnetici nord e sud, causerebbe dei gravi problemi. Gli analisti, infatti, credono che, se tale fase dovesse durare “diecimila anni, gli animali dovrebbero evolvere altri meccanismi per sopravvivere a questo periodo”. Per la razza umana, però, le implicazioni, di una situazione del genere, potrebbero essere maggiori. Una recente teoria afferma, infatti, che c’è una forte correlazione tra caos magnetico e caos sociale. Gli esperti, infatti, hanno sempre più prove, (di tipo medico), per poter dimostrare lo strettissimo collegamento tra magnetismo e sanità mentale. Alcuni ricercatori di Zurigo, volendo dimostrare ciò, hanno messo “Sotto Osservazione” un paziente epilettico. L’esperimento, compiuto da questi studiosi, consisteva nel provocare, artificialmente, a tale soggetto, una crisi, semplicemente, cambiando la polarità del campo magnetico che lo circondava. L’analisi ha dimostrato che, esattamente nel momento in cui è cambiata la polarità magnetica del campo, ha avuto inizio l’attacco. Una teoria afferma, infatti, che i disturbi nel campo magnetico, possono distruggere la comunicazione tra le cellule celebrali. Lo staff medico svizzero,in effetti, hanno accertato che, la presenza di magnetite nel cervello, è fortemente responsabile degli attacchi epilettici del paziente in questione. Gli analisti, quindi, credono che alcune persone abbiano il cervello particolarmente sensibile ai campi magnetici. I cambiamenti magnetici, quindi, potrebbero essere collegati a un’intera serie di problemi celebrali e comportamentali tra cui, uno dei più importanti, è la depressione. I medici sanno, infatti, che le malattie depressive si manifestano, in particolar modo, in primavera e in autunno; quando cioè si verificano i picchi nell’attività delle tempeste geo-magnetiche. In tali momenti, infatti, il campo magnetico terreste subisce i mutamenti maggiori. Gli effetti dei campi magnetici, sullo “stato d’animo” e sui comportamenti umani, sono stati studiati dalla facoltà di medicina dell’università del South Carolina. In questa università, infatti, il Dottore e neurobiologo Mark George, ha usato una macchina in grado di creare un campo magnetico altamente concentrato per attivare parte del cervello. Egli ha spiegato che il suo esperimento consisteva nel stimolare una specifica zona del cervello, (in questo caso la parte destra), per riuscire a produrre un qualche movimento della “parte opposta del corpo” del soggetto in questione. Tale esperimento continuerà finché, tramite sempre la stimolazione elettro-magnetica, non si individuerà “il punto preciso per stimolare il movimento” del pollice del soggetto. La macchina, ogni qualvolta che tocca il corpo del soggetto, invia un rumoroso impulso elettrico alla parte stimolata. Il dottor George, grazie a tali sperimentazioni, ha scoperto anche che stimolando una zona specifica della parte sinistra del cervello, “la maggior parte, delle persone d’estorse”, proverà “una sensazione di tristezza”; se, invece, si stimola, la parte destra del cervello, “le stesse proveranno euforia”; ossia “si sentiranno più felici, più energiche” e questo sembra, al dottor George e al suo collega Andy Spear, (che, in questa particolare occasione, gli ha fatto da cavia), abbastanza significativo. La vera questione è sapere come avviene nel cervello”. Gli esperti, infatti, stanno cercando di scoprirlo, con l’utilizzo, di varie immagini e molti altri strumenti.

Il bio-fisico Phil Callahan, in Florida, crede che il geo-magnetismo, non soltanto possa alterare il nostro “Stato Emozionale”, ma possa, addirittura, contribuire al sorgere di gravi conflitti militari. Callahan, per dimostrare ciò, ha progettato un misuratore per testare le caratteristiche magnetiche del terreno. Egli crede, infatti, che la capacità del terreno d’essere un buon conduttore del campo magnetico terreste, abbia effetto sulla crescita delle piante e sul comportamento umano. Callahan, ha scoperto terreni di questo tipo, a Belfast, in Bosnia, in medioriente. Egli, quindi, crede che non si tratti di una coincidenza, il fatto che siano tutte “Zone di Guerra”. Egli, infatti, afferma che: “Vivere in questi campi di forza è positivo, nel caso in cui, si lavori o si faccia qualcosa di costruttivo; ma se non si svolgono attività particolari, compare il fanatismo, e come conseguenza, scoppia una guerra”. Questa teoria è certamente insolita, ma se fosse confermata, quando il campo s’invertirà, queste “Zone Turbolenti”, potrebbero spostarsi. La vera questione, quindi, è dove si troveranno le nuove con i “Focolai di Violenza”? “Il cambiamento del comportamento umano” potrebbe essere, soltanto, una semplice teoria; ci sono però, buone prove che, in quel caso, il caos magnetico, avrebbe un impatto ancora più profondo. Il prossimo cambiamento magnetico, inoltre, potrebbe avere effetti, non soltanto, sulla nostra mente, ma addirittura, sulla “Nostra Evoluzione”. I dinosauri, infatti, potrebbero essere stati uccisi da un cambiamento del campo magnetico terreste. Occasionalmente, infatti, ci sono stati lunghi periodi di stabilità tra un’inversione magnetica e l’altra. In queste lunghe fasi di transizione, la vita ha impiegato milioni di anni, per adattarsi a una qualsiasi direzione del campo magnetico della terra. Questi periodi, hanno avuto luogo, tra due grandi eventi evoluzionistici: uno fu durante il “Permiano”, (circa 200-250 milioni d’anni fa), quando tra il 70 e il 90% di tutte le specie viventi, dagli “Organismi Unicellulari”, agli antenati dei rettili, si estinse. L’altro, invece, è rappresentato dall’estinzione dei dinosauri, avvenuta durante il “Cretaceo-Terziario”, ossia circa 65 milioni d’anni fa. In entrambi i casi, in sostanza, si erano verificate delle inversioni del campo magnetico terreste, dopo una lunga pausa. Per essere la causa di un “Cambiamento Evoluzionistico”, quindi, l’inversione della polarità magnetica terreste, dovrebbe, necessariamente, essere qualcosa di più che interferire con la “Capacità di Navigazione” degli animali. Tutto ciò significa, in ultima analisi, che il magnetismo terreste, deve essere considerato alla pari della luce del sole; ossia indispensabile per la funzionalità delle “Cellule Vitali”. Le cellule biologiche producono campi elettrici durante i loro “Processi Vitali”. Questi campi vengono formati, quando le cariche elettriche presenti sugl’atomi, si muovono all’interno, all’esterno e intorno alle cellule. I campi magnetici, però, (secondo gli studiosi), non possono muovere nulla che abbia una carica elettrica; ma se ciò fosse vero, come può un campo magnetico debole, avere effetti su ciò che accade all’interno delle cellule? La “Scienza Sperimentale”, dei nostri giorni, sembra, però, dimostrare che ogni cambiamento del campo magnetico terreste, potrebbe avere ripercussioni, anche maggiori, su ogni cosa. Il cosiddetto “Bio-Magnetismo”, è una scienza appena agl’inizi; le prove sperimentali, però, stanno aumentando. Il prof Abraham Uboff, infatti, afferma che gli esperti hanno “Visto Effetti molto Profondi sul Comportamento dei Ratti; questo in termini di memoria e apprendimento”. Uboff, inoltre, afferma che gli analisti hanno anche “visto cambiamenti nella Profilazione Batterica”, nella “Profilazione delle Cellule Umane”. Gli studiosi hanno osservato “lo stesso fenomeno nelle piante”. Gli esperti, infatti, hanno scoperto d’essere “in grado di aumentare l’attività delle piante in termini di percentuali di crescita, di dimensione delle foglie o di diametro dello stelo, solo cambiando la natura di questo Campo Magnetico”. Se è vero che, i “Processi di Base della Vita” subiscono effetti, in qualsiasi momento, dovesse verificarsi, quest’inversione del campo magnetico, potrebbe portare alla distruzione della “Vita Umana” sulla faccia della terra.

Il prof Uboff, infatti, afferma, in ultima analisi che: “se l’intero processo di transizione durerà a lungo potrebbero esserci cambiamenti nella specie inclusa probabilmente la razza umana”.

Sconvolgimento evoluzionistico, caos elettronico, conflitti sociali, inversione dei poli, ci lascerà a tutti noi senza energia? Sebbene gli esperti stiano scoprendo appena come funziona tutto ciò la vita sembra ordinata dal geo-magnetismo. Aiuta tutti noi a comunicare e navigare e influenza il modo di pensare e sentire potrebbe avere un impatto su tutte le forme di vita sulla terra. Geologi, fisici e biologi sono, infatti, impegnati in una sorta di gara per svelare i suoi misteri.

In ultima analisi possiamo affermare che solo una cosa è certa si verificherà e chiunque si troverà nei paraggi ne subirà gli effetti.

Secondo gli scienziati tutto ciò, molto probabilmente, potrebbe verificarsi nel 2012. Questa data è posta in luce anche dal calendario dei Maya. Il 22 dicembre del 2012 infatti, secondo questo grande popolo ci dovrebbe essere un disastro planetario molto simile a quello descritto dagli scienziati per l’inversione dei campi magnetici.

Mafia 20

“Il Lato Oscuro del Potere: Il Sanguinario Gioco dei Predestinati”


(1860 1950)

Ci sono persone nel mondo che nascono con un compito molto particolare da dover svolgere. Questo particolare compito, qualunque esso sia, queste persone non possono proprio fare a meno di portare avanti il loro lavoro perché, sia il motivo per cui lo svolgono, sia la dedizione profusa, nel compiere fino alla fine il proprio dovere, sono inscritte, nel loro “DNA Socio-Culturale”. Questi determinati individui, avvolte, compiono così bene il proprio dovere da lasciare, anche senza volerlo, un “Segno Indelebile” nella Storia della nostra società e nell’“Immaginario Collettivo”. Essi, se stessimo scrivendo un “Romanzo Giallo”, potremo definirli “Pedine” di un “Macabro Gioco di Potere”. Un’“Intensa”, però, “Geniale Partita” giocata da menti fredde e calcolatrici, acuminate quanto la lama di un pugnale che nei fatti obbediscono soltanto alla “Legge della Giungla”. Questo spietato confronto si è sempre svolto e si svolge, ancora oggi, su molteplici piani d’“Interesse Strategico Politico-Militare” e infine anche economico. L’“Ambito Trofeo” di questa ferale, ma invisibile contesa, anche se il “Campo da Gioco”, in questo caso, è estremamente ampio e mutevole, è, purtroppo, sempre lo stesso: il “Potere Assoluto” anche se mascherato da “Istituzioni Democratiche”. Le controparti di questa “Tetra Disputa”, chiunque esse siano, col passare del tempo, si sono oltre modo convinte di lavorare per un “Interesse Superiore”, che ciò che compiono, per quanto sia disdicevole, orrendo, mostruoso, è eseguito per il bene di tutti e che se non fossero intervenuti loro, lo avrebbe fatto qualcun’altro. L’essenza del loro potere sta nell’assoluta e “Impenetrabile Segretezza” su tutto ciò che fanno; ragion per cui se per una fortuita coincidenza, una “Persona Comune”, dovesse incontrare qualcuno di quegli individui, quest’ultimo per rispondere in maniera esauriente al “Suo Incalzante Interlocutore”, che gli chiedesse ragione di una determinata cosa, potrebbe dire: “A volte Siamo Travolti da un Gioco molto più Grande di Noi”. Questo è il mondo in cui vi voglio portare oggi. Un “Invisibile Universo Parallelo” composto di ricatti, calunnie, che se dette in un certo qual modo, possono sembrare veritiere, segreti, possibilità d’intervenire su una certa cosa grazie a ciò che si sa, minacce velate ed esplicite. Un intrigo vorticoso e miserabile, un “Sistema di Potere Interconnesso” di “Pupi” e di “Pupari” in cui tutti sono controllabili da tutti e nessuno è, all’occorrenza, indispensabile. Gli “Oscuri Ingranaggi” di questo “Inestricabile Meccanismo”, infatti, sono come “Professori d’Orchestra” che dirigono un concerto la cui musica, anche se guidata in modo magistrale da un “Unico Direttore”, non si ferma soltanto perché quest’ultimo in qualche modo è venuto a mancare, ma “Continua Imperterrita”. Questa “Oscura Sinfonia”, infatti, pregna in modo sostanziale e profondo la mente e lo spirito di quegli uomini e li attrae verso il cuore di questa determinata struttura e li invita, anche se per un breve periodo, a prendere il comando di un qualche livello della “Piramide” e a guardare gli altri, parte integrante del medesimo mondo, come i cobra osservano le proprie prede. Le loro vite, i loro destini, infatti, sono intrecciati come i fili di una “Smisurata Ragnatela”. Essa, infatti, è così sesquipedale, così intrigata, che è quasi impossibile comprendere dov’è l’origine di questa “Oscura Matassa”. Lo stesso “Orchestratore di Turno”, di questa “Macabra Melodia”, infatti, è talmente condizionato da questa “Lugubre Cantilena”, da essere lui stesso, la “Prima Marionetta” asservita agl’“Altri Pupazzi” sempre pronti a prendere il posto del “Loro Amico” approfittando di una “Sua Semplice Debolezza”. Questo folto gruppo d’individui è composto da uomini, ma ultimamente anche da donne, di ogni “Estrazione Sociale”. Essi, infatti, sono entrati, in questa “Particolare Casta”, soltanto grazie alla loro “Innata Capacità” di capitalizzare, la “Propria Istruzione”, (di qualunque grado essa sia), e la propria “Cultura di Vita”, per riuscire a primeggiare sugli altri. Questo particolare talento, nel corso della Storia dell’uomo, è stato chiamato in molti modi: “Leadership”, “Potere”, “Carisma” ed etc. Io, però, preferisco chiamarlo “Supremazia Psicologica”. Essa è in grado di far schiudere le “Porte del Successo” a qualsiasi persona e di farla arrivare fino in cima. Questi determinati individui, infatti, in nome di questa loro “Straordinaria Virtù”, si possono definire, a mio parere, “Predestinati”. Questa particolare dote, però, di per se stessa, non è né buona, ne cattiva. La sua conformazione, infatti, dipende esclusivamente dalle esperienze che una persona fa. La sua essenza, invece, quella “Strana Pira Lucente”, che arde negli spiriti di queste persone, può bruciare, come le “Fiamme dell’Averno”, ma anche riscaldare come il “Sole Estivo”, dopo un “Rigido Inverno”. I predestinati, infatti, si possono considerare come “Pezzi” di un’“Enorme Scacchiera da Gioco” appartenente a un “Solo Grande Padrone” malato di “Schizofrenia”, che oltre a essere un “Pazzoide”, è anche un “Ingrato”, a cui la “Vita Umana”, non importa nulla. Gli schieramenti messi in campo, per questo “Dilaniante Scontro”, infatti, si fronteggiano in un modo estremamente sanguinoso e a volte non sanno neanche loro il perché. Questa, signore e signori, è la loro Storia; una tragica, avvincente epopea, che purtroppo, non è ancora finita. Essa, infatti, come un “Virus Mutante”, percorre la “Storia Evolutiva”, degl’ultimi due secoli, del “Quadro Geo-Politico Occidentale” e ne infetta, come un “Cancro”, silenziosamente, ma in modo inesorabile, il cuore diventandone, in questa maniera, il “Lato Oscuro”. La prima pedina, di questa “Lugubre Competizione”, che vi presento quest’oggi, si chiama: Emanuele Notarbartolo. Il “Marchese Notarbartolo”, “Esponente di Primo Piano” della “Destra Storica”, nella “Realtà Siciliana”, si è sempre battuto contro la corruzione e il malaffare. Il primo febbraio 1893, però, questo integerrimo, onesto galantuomo, muore ucciso da due “Mafiosi”, almeno secondo l’“Accusa”, appartenenti alla “Cosca di Villa-Abate”, guidata all’epoca, da Giuseppe Fontana. Quest’ultimo, però, ha commesso questo “Efferato Delitto”, per conto di un “Suo Referente Politico” chiamato Salvatore Palizolo. Palizolo, infatti, secondo quanto è emerso da alcune “Indagini Personali”, condotte dal figlio del marchese, era un “Membro del Parlamento”, attaccato dal “Nobile Siciliano”, perché coinvolto in alcuni “Scandali Finanziari” al “Banco di Sicilia”. I tre “Gradi di Giudizio del Processo”, che avranno luogo, prima a Milano, poi a Bologna e infine a Firenze, (basati quasi esclusivamente sull’inchiesta portata avanti dal figlio di Notarbartolo), si concludono tutti, dopo una prima condanna, con una “Generale Assoluzione per Insufficienza di Prove” e con l’affermazione che la “Mafia Non Esiste”, è soltanto un’invenzione dei giornali per screditare la Sicilia. La “Tragica Vicenda” del marchese Notarbartolo, però, aldilà delle “Responsabilità Individuali”, pone in luce un elemento essenziale per il “Tetro Affresco” che stiamo ricostruendo: “I Mafiosi”, come afferma lo storico Salvatore Lupo, “sono Parte della Struttura del Potere nella Sicilia Occidentale, in particolare nella Provincia di Palermo, di Trapani e di Agrigento, sino dall’Unità d’Italia”. I “Significati Etimologici”, attribuiti alla “Parola Mafia”, sono molti e tutti differenti. Quello più probabile, però, è stato dato, a mio parere, dallo “Storico di Tradizioni Popolari”, Giuseppe Pitrè. Egli, infatti, ha individuato l’origine della parola in una “Espressione Dialettale Specifica” di un determinato “Rione di Palermo” che starebbe a indicare bellezza, audacia, coraggio, superiorità. Un “Mafiusu”, quindi, secondo tale interpretazione, sarebbe stato, (almeno all’inizio della sua storia filologica), un “Uomo Coraggioso”, fiero ed etc. L’“Unità d’Italia”, avrebbe poi contribuito, in maniera non esplicita, (almeno secondo Pitrè), a tramutare il suo “Significato Originario” da positivo a negativo facendolo diventare sinonimo di “Brigantaggio” e di “Malandrinaggio”. Il “Dramma Dialettale”, chiamato “I Mafiosi di la Vicaria”, scritto nel 1863 da G. Rizzotto, è, per così dire, l’emblema di questa “Svolta Negativa”. Questo “Spettacolo Teatrale Innovativo”, infatti, ha avuto il compito di far conoscere il “Termine Mafia” al “Grande Pubblico”. La prima persona, invece, a usare la parola mafia, in “Senso Moderno”, è stato il “Prefetto di Palermo”, Gualtiero, nel 1865. Negl’anni settanta dell’ottocento, invece, ha inizio una vera e propria fortuna per questo termine che incomincia a comparire anche nei “Documenti Ufficiali”. Esso, infatti, si può trovare in tutta una serie di comunicazioni di “Funzionari dello Stato Italiano”. Questa particolare documentazione, già all’epoca, individua, in questo specifico termine, un’“Associazione per delinquere” molto particolare con leggi proprie che ne fanno, quasi, un mondo assestante che, silenziosamente, si è sempre mosso, sviluppato, rafforzato sotto i nostri occhi che non volevano o non potevano vedere, comprendere. Lo svilupparsi di questa “Metastasi Criminale”, ormai, è cosi imperante, nella “Nostra Società Globale”, che questo particolare termine è diventato emblematico di un comportamento diffuso in tutta la “Nostra Realtà Contemporanea” locale e internazionale che, col passare del tempo, si è ben radicato nel profondo di “Molte Coscienze Individuali”. Il termine mafia, infatti, è diventato, ormai, una “Parola Polisemica”, che si riferisce a fatti differenti a seconda dei contesti e delle circostanze. Nel mondo, infatti, esistono differenti tipologie di “Mafie”. Esse, però, sono tutte composte dalla medesima essenza di violenza, sopraffazione e di omertà. Quelle, con la “Maggior Forza Espansiva”, però, rimangono sempre le organizzazioni criminali d’origine italiana. Quest’ultime, infatti, anche a causa del “Grande Flusso Migratorio”, avutosi tra la seconda metà dell’ottocento e buona parte del novecento, (con più di ventiquattromilioni di partenze), sono state in grado d’attecchire nelle “Terre d’Arrivo” e di sfruttare la misera dei loro vecchi e nuovi concittadini per diventare ancora più potenti di quanto non lo fossero già. Il loro potere, infatti, grazie a tutto ciò si è esteso a macchia d’olio, sia in Europa, sia in America. La creazione dello “Stato Italiano”, comunque, comportò all’epoca, anche una “Forte Emigrazione Interna” con molte persone che si spostarono dal sud del paese per andare verso il nord o verso il centro. Molti di questi emigranti, “Ex Cittadini del Regno delle due Sicilie”, erano membri organici della mafia. Costoro, infatti, (fino a poco tempo prima), con lo strutturarsi del “Nuovo Apparato Amministrativo Statale”, proprio in virtù della loro, se pur “Anomala Esperienza Lavorativa”, diventarono, (almeno formalmente), “Tutori dell’Ordine Pubblico” o “Principali Membri delle Amministrazioni Locali”, altrimenti detti: “Capi-Rais”. I piemontesi, infatti, capirono quasi subito che, con i “Normali Mezzi Amministrativi”, era impossibile governare in quelle “Lontane Terre”. Il “Nuovo Ceto Politico”, quindi, decise di fare “Patti di Mutuo Interesse” col “Mafioso Locale”. Costui, infatti, amministrava la “Sua Giustizia”, anche sommaria, risolvendo problemi che l’amministrazione, proveniente dal nord dell’Italia, non riusciva neanche a inquadrare; sopperiva, col “Suo Paternalismo Interessato”, a risolvere questioni che lo Stato invece accentuava e, agli occhi del popolano più misero, risultava, quindi, più efficiente e “Giusto”. I “Notabili Locali” e le “Nuove Classi Dirigenti”, infatti, si adattarono molto presto a tutto ciò. Una volta, però, consolidato stabilmente, il dominio, sulle “Loro Terre Natie”, per conto del “Governo Centrale”, i mafiosi pretesero anche di poter partecipare alla “Vita Politica Nazionale”, piazzando, i propri uomini, in parlamento. La mafia, in sostanza, fin dall’inizio, fin da quando è nata, fa politica. I vari “Uomini Politici”, infatti, hanno sempre saputo, almeno all’inizio della “Nostra Storia Unitaria”, a chi rivolgersi per avere un buon numero di voti durante le elezioni. Le “Varie Organizzazioni Mafiose”, presenti nella penisola, infatti, erano le uniche, all’epoca come oggi, a sapere come organizzare e guidare il “Consenso Elettorale”. I mafiosi trapiantati in America, dal canto loro, riuscirono a installare, in “Terra Straniera”, un vero e proprio “Stato Ombra” completamente basato sulla violenza e sul terrore. Gli “Stati Uniti”, infatti, essendo all’epoca ancora, (come l’Italia del resto), un paese politicamente giovane, non potevano contrastare, in modo efficace, un “Forte Clientelismo” interamente impregnato di una “Sanguinaria Violenza Gratuita” e di un “Servilismo Psicologico Feudale” del più debole verso il più forte che, in qualche maniera, rasentava la “Schiavitù”. La “Supremazia Psicologica dei Boss Mafiosi”, infatti, all’epoca, come oggi, si espletò, in molti casi, anche in una sorta di “Autoritarismo Dittatoriale Paternalista”. Costoro, infatti, erano, ieri come oggi, in grado di trovare, per’esempio, un “Lavoro” all’immigrato di turno che si presentava. Il loro “Carismatico Potere”, però, non si fermava semplicemente a far ciò. Essi, infatti, potevano trovare, grazie al proprio “Connaturato Ascendente”, su una larga fascia di popolazione appena o in procinto di essere politicamente naturalizzata, gli “Agganci Politici Necessari”, spesso, (per lo meno all’epoca), del “Partito Democratico”, adatti per avere, in cambio di un numero sempre maggiore di voti, la più “Ampia Libertà Imprenditoriale”. Tutto ciò è stato possibile perchè, già nel 1905, per’esempio, nel quartiere di “Elisabeth Street” a New York, erano arrivati 8200 italiani, la cui maggior parte era composta da siciliani. Nel 1919, invece, arrivarono a essere occupate il 75% delle “Banchine Portuali” da nostri connazionali. Le “Organizzazioni Malavitose”, in tale contesto, fecero crescere le proprie “Attività Criminali”; mantenendo, però, sempre i rapporti con la “Madrepatria”. La mafia, è sempre stata, in sostanza, una “Marcata Rappresentazione”del “Machiavellico Sistema” che ho cercato di portare alla vostra attenzione, fino a poco fa. Il primo uomo, a tentare di contrastare seriamente questi “Pazzi Criminali”, fu proprio un “Poliziotto Newyorchese”, figlio di quella “Prima Generazione d’Immigrati Speranzosi”, chiamato Joe Petrosino. Giuseppe Petrosino, detto Joe, nacque a Padula nel salernitano il 30 agosto 1860. Emigrò, giovanissimo, nel 1873 alla volta di New York col padre Prospero, sarto, e l’intera famiglia composta dalla madre, da due sorelle e da tre fratelli. In un primo momento, quale primo figlio, si adattò a tutti i mestieri al fine di non gravare sul bilancio familiare; studiò, con “Grande Impegno”, la lingua inglese, frequentando i “Corsi Serali”. Il 19 ottobre 1883 si arruolò nella polizia di New York, indossando l’uniforme da poliziotto portante sul petto una placca d’argento con numero 285. Dopo un breve periodo di rodaggio come “Agente di Pattuglia” nella “Tredicesima Avenue”, cominciò a scalare i gradini della gerarchia, imponendosi a tutti per i suoi sistemi di lavoro che si ispirarono a passione per il mestiere, grande fiuto, intelligenza, senso di responsabilità, alta professionalità. Il suo grande sogno e scopo della vita fu uno solo: sconfiggere la “Mafia”, allora contraddistinta col nome di “Mano Nera”. Sposato, con una figlia compì imprese leggendarie e meritorie, guadagnandosi persino la stima del Presidente degli Stati Uniti, di cui era grande amico e dal quale aveva grandissima considerazione.

A trent’anni, promosso “Detective”, passò al “Servizio Investigativo”; nel 1895 fu il Presidente Roosvelt in persona, a nominarlo “Sergente”. Nel 1905, con la promozione a Tenente, gli fu affidato il comando dell’“Italian Legion”, cioè “Gruppi di Agenti Italiani”, a suo giudizio indispensabili, per combattere la Mano Nera. Dichiarò guerra e assicurò alla giustizia “Capi-Mafia” di altro calibro, che nessun corpo di polizia era mai riuscito a prendere, con “Imprese Funambolesche” e “Pazzeschi Travestimenti”, che gli consentirono di vivere più da vicino il “Complesso Mondo della Mafia”. Egli fu il primo a capire che la mafia, a New York, aveva le sue radici in Sicilia, tant’è vero che intraprese un viaggio in Italia, diretto appunto in Sicilia, per infliggerle il “Colpo Mortale”.

Fu ricevuto dal “Presidente del Consiglio Giolitti” dal quale ricevette in regalo un “Orologio d’Oro”.Egli, dopo essersi fermato per qualche giorno a Padula, nella sua casa Natale, ove c’era il fratello Michele. Una volta tornato nella “Sua Patria Natia”, partì alla volta della Sicilia. Avviò un grosso lavoro che l’avrebbe portato a sconfiggere definitivamente la mafia. Egli, infatti, stava indagando sul rilascio di passaporti a “Importanti Boss Mafiosi” del calibro di Giuseppe Morello, (capo della Mano Nera), Ignazio Saietta, Giuseppe Fontana e Vito Cascio Ferro. Quest’ultimo fu considerato, all’epoca, il capo della “Mafia Siciliana”, sino ai primi anni venti. La sera del 12 marzo 1909, però, nella “Piazza Marina di Palermo”, fu raggiunto da quattro colpi di rivoltella che lo fecero crollare, ucciso, al suolo. Morì da soldato, nel compimento del suo dovere, colpito alle spalle, al buio, a tradimento da una “Mano Assassina” che fermò il cammino del più forte e coraggioso poliziotto di tutti i tempi. La mafia, quindi, già all’epoca, era un’organizzazione molto potente con ramificazioni sia in Italia, sia all’estero. L’“Epoca D’Oro” di “Cosa Nostra Americana”, così la chiamò Salvatore Maranzano, iniziò soltanto, a metà degl’anni venti. Benito Mussolini, infatti, nel 1925 mandò a Palermo, il prefetto Cesare Mori, con pieni poteri. Costui, fin da subito, si dimostrò inflessibile nell’applicazione del “Proprio Mandato”. Egli, infatti, organizzò retate da “Paese Occupato”, (con donne e bambini presi in ostaggio), fece sciogliere il “Fascio di Palermo” per “Infiltrazione Mafiosa”, sotto la sua guida, bastava semplicemente essere sospettati di far parte della mafia, per vedersi mandare in carcere al “Confino”. Mori, fece perfino, espellere, per “Collusione Mafiosa”, il dottor Alfredo Cucco, membro del “Gran Consiglio del Consiglio del Fascismo”. L’“Ala Militare” della “Mafia Siciliana” dell’epoca, quella con la “Coppola” e con la “Lupara”, fu completamente spazzata via. Mussolini, però, nel momento in cui, il “Prefetto di Ferro”, (soprannominato così per la sua intransigenza), iniziò a indagare sulle complicità tra mafia e mondo politico, lo ringraziò pubblicamente, lo fece nominare “Senatore del Regno d’Italia” e lo mise, definitivamente, a riposo, con la “Banale Scusa”, che aveva raggiunto i limiti d’età. Cesare Mori, in buona sostanza, scompare dalla scena e di lui non si seppe più nulla. Il lavoro, all’epoca compiuto da Mori, però, provocò un’“Emigrazione Forzata” di molti boss che andarono a rimpinguare le fila della “Mafia Americana”. Questo, infatti, è il momento dell’ascesa di Al-Capone, Bugsy Siegel e tanti altri. Questi stessi mafiosi, nel 1943, furono coinvolti dal “Governo Americano”, nella pianificazione e nell’attuazione della cosiddetta “Operazione Husky”. Questa particolare denominazione non indicava, nient’altro, che lo “Sbarco Alleato” in Sicilia. Il maggior collaboratore degli alleati, in tal caso, fu Salvatore Lucania, altrimenti detto, Lucky Luciano. Costui, all’epoca, era a capo della “Famiglia Genovese”. Luciano, in realtà, già una volta, aveva aiutato gli uomini del cosiddetto “OSS (Office Strategic Services)”. Nel 1942, infatti, mentre Luciano, era nel “Carcere di Massima Sicurezza di Clinton” nel New Jersey, (per scontare una pena a cinquant’anni, per “Traffico di Droga” e “Sfruttamento della Prostituzione”), andarono a trovarlo alcuni “Ufficiali della Marina Statiunitenze” in compagnia del suo avvocato, Moses Polakoff. Costoro presero contatto con Luciano, grazie all’imbeccata di uno dei suoi uomini, Joe Lanza. Joe Lanza aveva, all’epoca, un soprannome molto particolare: “Socks” che significa “Calzino”. Socks curava, all’epoca, per conto della famiglia Genovese, gli affari nel porto di New York. La “Marina Militare Americana”, infatti, si mise in contatto con Socks e poi con lo stesso Luciano, proprio per risolvere un annoso problema che affliggeva, le sue imbarcazioni ormeggiate in quel determinato luogo. Queste particolari imbarcazioni, infatti, avevano subito, fin dall’anno prima, molte “Azioni di Sabotaggio”. Il nove febbraio 1942, per’esempio, ci fu un “Misterioso Incendio” a bordo della “Normandie”. La Normandie era una nave della “Marina Civile Francese”; poi, pero, la Francia decise di cederla agli “Stati Uniti”. La nave Normandie arrivò, nel porto di New York, il 28 agosto 1939. In quello stesso giorno, Hitler, diede inizio all’invasione della Polonia. Questa imponente nave, all’inizio, a causa dell’indecisione, delle “Autorità Americane”, rimase internata nel porto newyorchese fino al 1941. L’“Esercito Statiunitenze”, immediatamente dopo l’“Attacco Giapponese” alla “Base di Pearl Harbour”, infatti, decise di trasformarla in una “Nave-Appoggio” della marina militare. La trasformazione, però, non riuscì. L’incendio del 42, infatti, unito al peso delle attrezzature per trasformarla, la fece inclinare su un lato e affondare. L’affondamento della Normandie, anche se molto probabilmente, fu solo un incidente, spaventò molto le autorità. Esse, infatti, secondo Anthony Marsloe, (“Ex Ufficiale dei Servizi Segreti U.S.A.”), fin dal 1939, avevano perso già 151 “Navi Mercantili Statiunitenze”, nel bel mezzo dell’atlantico, attaccate da “Sottomarini Tedeschi”. I servizi segreti americani, infatti, sempre secondo Marsloe, erano, oltre modo impegnati a scoprire come si effettuavano i rifornimenti di carburante ai cosiddetti “U-Boat Nemici”. Un altro “Importante Enigma”, infine, riguardava la tempistica degli “Attacchi Subacquei Tedeschi”. Le autorità americane, infatti, sospettavano che ci fosse una “Talpa” nei pressi del porto di New York che informava i “Nazisti” della rotta percorsa dalle navi contenenti i carichi più importanti. Questa sorta di “Blocco Continentale Marittimo”, attuato da Hitler, per impedire i rifornimenti all’Inghilterra, spinse, fin quasi sotto le “Coste Americane”, i “Sommergibili Tedeschi”. Tutti questi problemi, stranamente, si risolsero, quasi in un baleno, quando intervennero Socks Lanza e Lucky Luciano che sfruttarono al meglio le loro conoscenze nell’“Ambiente Portuale Newyorchese”. Il governo americano, dal canto suo, come premio per questa “Prima Collaborazione” fece trasferire Luciano dal carcere di Clinton a quello di Great Meadow in Comstock, nello stato di New York. In questo particolare carcere, infatti, c’erano molte più libertà, tanto da essere chiamato, nell’“Ambiente Mafioso” dell’epoca, il “Country Club”. Lucky Luciano, infatti, da li, riusciva a impartire ordini e a dirigere i suoi affari molto meglio di prima. Questo “Particolare Trattamento di Favore”, però, aveva un motivo ben preciso. Gli “Alleati”, infatti, in quel periodo, si stavano preparando allo “Sbarco Alleato in Sicilia”. L’“Alto Comando dell’OSS”, in previsione di ciò, aveva creato la cosiddetta “Sezione Italia”. La “Sezione Italiana dell’OSS”, all’epoca, era guidata da James Jesus Angleton. Angleton, secondo quanto raccontato dallo storico Nicola Tranfaglia, nacque in una “Famiglia Massonica”. Egli, essendo cresciuto in casa di un industriale presidente della “Camera Italo-Americana”, durante alcuni anni del fascismo, in Italia, fu destinato a una folgorante, nonché misteriosa carriera, nei “Servizi Segreti Americani”. Egli, infatti, fu, innanzi tutto, (dal 1941 al 43), una sorta di “Agente di Collegamento” tra il “Servizio Segreto Britannico” e il “Neonato OSS”, poi responsabile del “Desk Americano” in Italia dal 43 al 45 e infine fu anche implicato, secondo quanto sostenne il “Procuratore Distrettuale di New Orleans”, (Jim Garrison), nell’“Omicidio Kennedy”. Angleton, insieme al “Suo Braccio Destro” dell’epoca, Earl Brennan, scelse un piccolo ma strano gruppo di persone per creare la “Squadra Italiana dell’OSS”. Essa, infatti, era formata da: Frank B. Gigliotti, (Massone reverendo di una chiesa metodista di Lemon Grace in California), Vincent Scamporino, (avvocato di famiglie mafiose italo-americane), Victor Anfuso , (anche lui avvocato) e infine da un ragazzo di circa vent’anni appassionato di romanzi gialli, originario di Melilli, (in provincia di Siracusa), chiamato Max Corvo. Questi cinque individui, in buona sostanza, sarebbero dovuti essere tutti, ogn’uno a modo suo, “Esperti di Affari Italiani”. Lo stesso Brennan, infatti, era stato, prima della guerra, “Vice Console” a Firenze per conto del governo americano. Il bizzarro gruppo del comandante Angleton, infatti, come si può comprendere dalla “Privilegiata Testimonianza” di un altro importante agente americano, di quel periodo, di nome Peter Tompkins, era composto da persone, completamente a digiuno, di “Cultura Italiana”. Esse, però, grazie anche a “Alcuni Amici”, contattati tramite Lucky Luciano, riuscirono ad’ambientarsi presto. Lucky Luciano, infatti, soprattutto nel “Sud’Italia”, (Sicilia e Campania), aveva molte “Vecchie Amicizie”. Quest’ultime, in cambio di alcuni “Posti di Potere” nella “Nuova Amministrazione”, fornirono molto volentieri aiuto e “Supporto Logistico”, sia all’“Esercito Anglo-Americano”, sia a quelli dell’OSS. Quelli dell’“OSS Italiano”, infatti, non appena sbarcarono in Sicilia, corsero a Favignana. In quell’isola, infatti, c’erano rinchiusi, all’epoca, i “Principali Capi-Mafia Siciliani” arrestati durante il fascismo. I “Reparti Speciali dell’OSS”, però, non liberarono soltanto quelli detenuti a Favignana, ma ci furono, scarcerazioni di tal genere, in tutta la Sicilia. Alcune, di queste persone liberate, erano: Calogero Vizzini, altrimenti detto “Don Calò”, (nominato dall’esercito americano sindaco di Villalba), Giuseppe Genco Russo, anche conosciuto come “Zu Peppi Jencu”, (nominato, sopraintende all’assistenza pubblica di Mussomeli), Vincenzo Di-Carlo, (responsabile degli ammassi di grano presso l’amministrazione di Mussomeli), Salvatore Malta, (nominato sindaco di Valle-Lunga), nella città di Palermo, infine, tanto per fare un altro esempio, fu nominato sindaco un altro cosiddetto “Uomo d’Onore” di nome Lucio Tasca. La “Nuova Amministrazione Anglo-Americana”, infatti, non conoscendo quasi nulla del suo primo “Territorio Liberato”, si era completamente fidata delle parole di Lucky Luciano. Costui, infatti, molto probabilmente, per riuscire a far dare “Maggiori Poteri” ai suoi amici della terra natia, aveva detto all’esercito americano, che il “Popolo Siciliano” era soltanto un “Branco di Pecoroni Abbrutiti” da governare con la frustra. Gli angloamericani, infatti, appena arrivarono sull’isola, trattarono, quella “Bella Terra”, alla stregua di una “Colonia”. Tutto ciò, a mio parere, potrebbe essere comprovato da una testimonianza rilasciata, alcuni anni fa, da uno dei cittadini di Villalba di nome Michele Pantaleone. Costui, in quell’intervista, infatti, raccontò che quando Calogero Vizzini diventò sindaco di Villalba, il “Tenente dell’Esercito Alleato”, Joe Calderon, che accompagnò l’anziano capo-mafia, nel suo paese natio, si rivolse alla popolazione, fatta riunire per l’occasione, e disse: “Questo Essere Vostro Padrone”. La stretta collaborazione tra la mafia e l’OSS è stata posta in luce anche dalla privilegiata testimonianza del capitano Josef Russo, membro dei servizi segreti americani. La squadra italiana dell’OSS, in virtù, di strettissima con “Ambienti Mafiosi”, si meritò l’“Inquietante Nomignolo” di “Cerchio della Mafia”. Questa particolare denominazione, fu considerata così calzante, da essere riportata anche in alcuni “Documenti Ufficiali”. Gli uomini di Angleton, però, non ebbero “Rapporti d’Affari”, soltanto con la “Criminalità Organizzata”, ma anche con altri personaggi, altrettanto inquietanti. La seconda guerra mondiale, almeno in Europa, si concluse, ufficialmente, il 25 aprile 1945. I tedeschi e i fascisti, o si ritirarono, o si arresero. Le “Formazioni Partigiane”, uscite dalla clandestinità, arrestarono molte persone accusate di “Crimini di Guerra”. Tra gli arrestati, c’era anche un “Generale Brigata”, appartenente alla “Nobiltà Romana”. Costui era Junio Valerio Borghese, altrimenti detto il “Principe Nero”. Questo nobile romano comandava in quegl’anni la cosiddetta “X Mas”. Il principe Borghese fece diventare la sua squadra, una sorta di “Esercito Privato”, dopo la creazione della “Repubblica di Salò”. I membri di questo particolare reparto di elite, infatti, arrivarono ad essere più fedeli al loro nobile comandante che a Mussolini e al fascismo. Gli uomini di Borghese in quegl’anni concitati combatterono su due fronti. Una parte di loro, infatti, partecipò ai rastrellamenti contro i partigiani assieme ai reparti delle “SS Tedesche” compiendo molte uccisioni. L’altra parte, invece, combatteva assieme all’esercito tedesco contro quello alleato. Gli uomini del principe nero, al termine della guerra, infatti, a causa delle molte carneficine commesse, in nome dei “Loro Valori”, furono accusati di crimini di guerra. Il 9 maggio del 1945, però, Borghese fu preso in consegna da Angleton e da Carlo Resio che lo fecero travestire da ufficiale americano mettendolo in salvo e proponendogli una sorta di patto scellerato. Le motivazioni, di quella “Strana Liberazione”, furono esposte il 6 novembre dello stesso anno dal comandante Angleton in una lettera inviata al comando generale alleato. In questo particolare documento c’era scritto che “Borghese Riveste un Grosso Interesse di lungo periodo all’Interno del Nostro Lavoro”. Il principe nero, però, non fu l’unico ad essere liberato. Il comandante Angleton, infatti, fece pressioni perché molti uomini della X Mas fossero trattati diversamente e resi immuni ad ogni imputazione. Molti di loro furono addirittura inviati in America per un periodo di addestramento. La domanda sorge spontanea: perché tutto questo? La storia che stiamo raccontando, non dobbiamo dimenticarcelo, è una storia fatta di misteri, doppie verità e strane coincidenze perché, come in un gioco di scatole cinesi, ogni verità ne nasconde un’altra. In quel preciso periodo si riaccesero, inspiegabilmente, le azioni di “Gruppi Neo-Fascisti”. Questi gruppi erano: le “SAM”, (Squadre Azioni Mussolini), il “FAR” (Fronte Armato Rivoluzionario). Tali mostruose attività, però, non furono compiute in tutta la penisola, come si potrebbe razionalmente pensare, ma soltanto in Sicilia. La terra natia di Pirandello, infatti, è sempre stata il “Campo da Gioco” preferito dagli intrighi internazionali delle potenze mondiali. Nel 1943, quando gli Americani, gli Anglo-Americani invasero la Sicilia, iniziarono nell’isola i primi fermenti del “Movimento Separatista della Sicilia”. I membri di questo gruppo isolano erano oltre 500.000 ed erano appoggiati dagli agrari, dalla proprietà latifondista e dagli Americani, tale gruppo si divideva in due fazioni: una voleva l’indipendenza siciliana dal resto dello “Stivale”, l’altra invece, spingeva affinché l’isola diventasse la 49° stella della bandiera Americana. Nell’autunno del 1944, durante il primo congresso che si celebrò a Taormina, fu presa la decisione di passare alla lotta armata, anche in risposta alle continue e arbitrarie violenze (si veda ad esempio la strage di via Maqueda che si consumò a Palermo proprio durante il primo congresso indipendentista) che erano perpetrate dalle forze dell’ordine italiane ai danni di sedi ed esponenti del MIS. Il MIS, in buona sostanza, influenzato dalla sua ala oltranzista, tentò l’insurrezione separatista con la formazione dell’“Esercito Volontario per l’Indipendenza della Sicilia (EVIS)”, la cui attività di guerriglia e resistenza fu talmente veemente, che per contrastarla, il governo fu costretto ad inviare in Sicilia l’Esercito Italiano. Tra i membri di questo esercito c’era Salvatore Giuliano. Egli fu, come afferma lo storico Francesco Renda, reclutato dal movimento separatista e diventò “Colonnello dell’Esercito per l’Indipendenza della Sicilia”. Egli, dimostrando più volte di essersi meritato i suoi gradi di colonnello avuti ad’honoris causa, passò, con “Grande Perizia” ed efficacia, dal “Furto di Bestiame”, “Sequestro di Persona”, “Estorsione”, “Rapine”, (tutti reati commessi tra Monte-Lepre, Castellamare del golfo, Alcamo, San Giuseppe Jato guadagnandosi la fama di un “Robin Hood Casereccio”), alla “Guerriglia Organizzata” contro l’esercito italiano, a funambolici e strabilianti attentati contro le forze dell’ordine, al sabotaggio. Il 19 agosto 1949, per’esempio, attaccò la caserma di una borgata in provincia di Palermo, chiamata Bellolampo. I rinforzi, non appena lo seppero, partirono immediatamente, dal “Capo-Luogo Siciliano”, per aiutare i colleghi in pericolo. Giuliano, però al loro arrivo, era già scomparso. “Turiddu”, però, per quella sera, aveva in mente un’altra “Bella Sorpresa” per le “Forze dell’Ordine Palermitane”. La “Banda Giuliano”, fece esplodere una “Mina Anticarro”, sulla strada che da Partinico conduceva a Palermo, proprio nel momento in cui, passava la colonna di automezzi palermitana impegnata nel riportare alla base gli ormai “Vani Rinforzi” per Bellolampo. La deflagrazione investi l’ultimo mezzo, con a bordo 18 carabinieri, di una colonna composta da 5 autocarri pesanti e da due autoblindo che trasportavano complessivamente 60 unità del “12° Battaglione Mobile Carabinieri di Palermo”. L’esplosione dilaniò il mezzo e provocò la morte di sette giovani militari, di umili origini, provenienti da varie città italiane: Giovan Battista Aloe classe 1926 da Cosenza (Lago), Armando Loddo classe 1927 da Reggio Calabria, Sergio Mancini classe 1925 da Roma, Pasquale Antonio Marcone classe 1922 da Napoli, Gabriele Palandrani classe 1926 da Ascoli Piceno, Carlo Antonio Pabusa classe 1926 da Cagliari e Ilario Russo classe 1928 da Caserta. Altri dieci carabinieri rimasero feriti, alcuni subendo gravi mutilazioni. Tra i feriti vi fu anche il trentacinquenne Tenente Ignazio Milillo, comandante della Tenenza suburbana di Palermo. La guerra dello Stato italiano contro Giuliano, perché di questo si trattò, di un vero e proprio “Scontro Bellico”, costò alle “Giovani Istituzioni Italiane”, la vita a 4 soldati dell’esercito, 81 carabinieri e 21 poliziotti. L’agire di Turiddu, però, almeno secondo la sorella Mariannina Giuliano, intervistata dalla “RAI” a metà degl’anni 80, fu sempre in nome del “Separatismo Siciliano”. Tutte le “Vittime” della Banda Giuliano, quindi, sarebbero state il risultato, sempre secondo i familiari di Giuliano, di una lotta per la “Libertà Siciliana”. Lo Stato, nel tentativo di fermare l’“Esercito Separatista”, ma soprattutto per “Eliminare dalla Scena” Giuliano, istituì l’“Ispettorato Generale di Pubblica Sicurezza” col compito di coordinare le azioni tra carabinieri e polizia comandato dall’“Ispettore Ettore Messana”. Messana, però, dopo qualche tempo, almeno ufficialmente, dovette abbandonare l’“Infernale Caccia”. Il comando delle operazioni, infatti, dopo vari avvicendamenti, passò a Ciro Verdiani. L’ispettorato, però, nonostante tutto, non produsse, purtroppo, alcun risultato. Lo Stato, infatti, decise di costituire il “C.F.R.B. (Corpo-Forze-Reppressione-Banditismo)”. La direzione di questo nuovo corpo fu affidata ai carabinieri. Il comandante designato, di questa determinata squadra, fu il “Colonnello Ugo Luca”, “Braccio Destro” dell’ispettore Messana. La “Continua Collaborazione-Concorrenza” tra polizia e carabinieri fu un elemento che contraddistinse tutta la storia della caccia al “Bandito Giuliano”. Le forze dell’ordine, infatti, dovettero fare i conti con “Continui Depistaggi Incrociati”, ostacoli e un “Insano Spirito Agonistico” che, di volta in volta, resero inservibili gl’informatori e confidenti sia della polizia, sia dei carabinieri. I diretti sottoposti del colonnello Luca erano: il “Capitano Antonio Perenze”, il “Tenente-Colonnello Giacinto-Paolo Antoni”e il “Maresciallo Giovanni Lo-bianco”. Costoro ebbero il comando di: 26 ufficiali del corpo dei carabinieri, 16 ufficiali di pubblica sicurezza, 1500 carabinieri e cinquecento poliziotti. 2542 uomini sparsi, su una superficie geografica di quattromila Km quadrati. L’intera isola, infatti, fu divisa in 70 sotto-zone. Il controllo, di ogn’una di queste arie, fu affidato a “Squadriglie” e a “Comandi Intermedi”. Molti membri del C.F.R.B. avevano già avuto occasione di combattere il cosiddetto “Banditismo” in Libia e in Etiopia. Alcuni di essi, inoltre, durante la guerra, lavorarono nei servizi segreti. I loro contatti, col mondo dello spionaggio internazionale, però, non si interruppero con la fine del secondo conflitto mondiale, ma continuarono imperterriti a tessere, in pieno silenzio, le proprie trame, come un ragno plasma la sua tela per stritolare e divorare le sue vittime. Tra il marzo e l’aprile del 1946, però, l’“Incessante Occupazione Militare del Territorio”, i “Risultati Militari” contro l’EVIS, ma soprattutto l’evoluzione democratica dello Stato Italiano, (con la concessione di un’“Autonomia Speciale” per la “Regione Siciliana”), tolsero forza al MIS. Il “Movimento Indipendentista Siciliano”, in conseguenza di tutto ciò, decise di rinunciare alla sua “Causa Separatista” e di entrare regolarmente in parlamento. Il governo italiano, sulla base di questa intesa, concesse l’amnistia. L’“Amnistia Togliatti”, però, riguardò solo gli alti gerarchi del movimento separatista. Giuliano, infatti, avendo già avuto gravi incriminazioni ben prima del 1944, non rientrò nella lista degli amnistiati. Giuliano, vista la situazione, decise di ritornare al semplice brigantaggio. La sua azione, però, si configurò come un attacco ad una “Nobiltà Agraria” accusata di vessare la povera gente. Egli, infatti, dopo ogni azione lasciava sul posto un cartello in cui vi erano delle frasi del tipo: “Giuliano non Deruba i Poveri” oppure “Giustiziato in nome di Dio e della Sicilia”. In questo ultimo periodo della sua vita, fu avvicinato da eminenti boss mafiosi come Genco Russo o come il famoso Michele Navarra altrimenti detto il “Medico della Mafia” boss di Corleone. Costoro, in realtà, fin da quando aveva fatto fuggire ben 12 persone dal “Carcere di Monreale”, l’avevano sempre spiato controllato, appoggiato, fornendogli qualche volta anche il “Necessario Supporto Logistico” per le azioni. La Banda Giuliano, infatti, secondo un certo tipo di storiografia, fu l’unica responsabile anche dell’attacco alla “Camera del Lavoro di Partinico” che all’epoca funzionava anche come “Sede del Partito Comunista”. Quella di Partinico, comunque, non fu l’unica a essere attaccata in quel determinato periodo. Le altre, infatti, furono: quella di Borgetto, Monreale, Cinisì, San Giuseppe, San Cipirrello, Terrasini. Gli studiosi di questa determinata corrente, però, non tengono conto di una cosa di cui noi abbiamo già iniziato a tratteggiare i “Terrificanti Contorni”. In quegl’anni misteriosi e drammatici, infatti, ricomparve in Sicilia un foltissimo gruppo di persone sparite, in modo misterioso, con la cacciata dei tedeschi. Molte di queste, l’abbiamo già accennato, furono mandate in America per ricevere un “Ulteriore Addestramento Militare”. Tra questi uomini, però, non c’erano soltanto quelli della X Mas, ma anche il “Federale di Firenze Massimo Pulvani”, il “Comandante del Battaglione Vega” chiamato Nino Buttazzoni e tanti altri. Questi determinati individui, in buona sostanza, ripresero il loro “Sanguinario Esercizio” per conto del governo americano impegnato nell’arginare l’“Avanzata Comunista Mondiale”. Gli attacchi alle suddette sedi dei partiti di sinistra, molto probabilmente, potrebbero essere state il frutto di una qualche collaborazione tra la banda Giuliano e questi “Gruppi Neo-Fascisti” appoggiati dal servizio segreto americano e dalla Mafia. Tutto ciò è razionalmente comprovato da alcuni singolari e indicativi fatti accaduti nell’ultimo periodo della vita di Giuliano: un giorno, in uno dei tanti covi intorno alle grotte che una volta si trovavano su Monte-Lepre, andò a trovarlo uno “Strano Giornalista Americano”, vestito da ufficiale dell’esercito alleato, di nome Mike Stern, infine al termine del mese di aprile nel 1947, Giuliano ricevette una strana lettera dalla madre. Turiddu, che in quei giorni era ospite della “Famiglia Genovese”, la lesse attentamente, la bruciò, poi chiamò gl’altri e disse: “E’ Giunta L’Ora della Nostra Liberazione”. La domanda, arrivati a questo punto, sorge spontanea: cosa c’era scritto, in realtà, in quella lettera, di così importante, tanto d’avere quel tipo di reazione? “I Saluti di Amici che stavano in America”, come disse una volta la madre, la promessa di un’amnistia se avesse fatto una certa cosa per conto terzi o entrambe le cose? Il contenuto di quello scritto, qualunque esso fosse, segnò l’inizio della fine della leggendaria storia della banda Giuliano. I sanguinari attacchi, alle sedi siciliane dei partiti di sinistra, furono, però, soltanto l’ultimo atto di una “Breve Stagione di Sangue” iniziata almeno un mese prima. La bellissima immagine di un “Moderno Principe dei Ladri”, infatti, s’era già, definitivamente infranta, con la “Strage di Portella della Ginestra”. Il 20 aprile di quell’anno, il popolo siciliano, era stato chiamato alle urne per eleggere l’“Assemblea Regionale”. Il risultato elettorale fu clamoroso. Il “Blocco del Popolo”, infatti, la coalizione delle forze di sinistra, ottenne una schiacciante vittoria sulla compagine di destra. Il “Tradizionale Equilibrio del Sistema di Potere Isolano”, vacillò pericolosamente. Girolamo Li-Causi, leader regionale del partito comunista italiano, forte del consenso popolare, guidò la protesta di contadini e braccianti contro lo strapotere di agrari e gabbellotti. Tutto ciò, purtroppo, produsse un “Feroce Scontro” che portò, infine, all’occupazione dei latifondi. Gli occupanti, però, non tennero conto del fatto che quei grandi appezzamenti di terra, a prescindere dal proprietario legale, erano dominio indiscusso di “Cosa Nostra Siciliana”. Il “Popolo Lavoratore”, infatti, si sentì talmente forte e sicuro di sé da riorganizzare un’altra volta, (dopo la fine della guerra), la “Festa del 1° Maggio”; ma anche la mafia, purtroppo, si stava organizzando perché quel giorno diventasse un “Momento Memorabile”. Il luogo prescelto per la “Manifestazione Festiva” fu la “Piana degli Albanesi” nella zona di Portella della Ginestra in provincia di Palermo. Gli organizzatori della giornata, però, all’epoca non sapevano ancora che, nei giorni precedenti alla festa, in quella stessa zona, c’era stata una strana riunione. Il luogo preciso dell’incontro, in realtà, fu la “Masseria Kaggio”, di proprietà di un mafioso della zona, Giuseppe Troia, che si trovava, per lo meno all’epoca a due passi dalla suddetta piana. I partecipanti, a quel particolare meeting, in buona sostanza, erano tutti mafiosi e gabbellotti, (almeno per quanto ne sappiamo), di quella parte della regione. Costoro, interrogati dagl’inquirenti, diedero due resoconti differenti della stessa giornata. Una loro parte, infatti, dichiarò che, in quella occasione, si era parlato di “Estagli”; gli estagli, però, (gl’accordi tra “Mezzadri” e padroni), non s’erano mai fatti in quella stagione. L’altra, invece, disse che quel giorno si raccolsero i soldi per la “Festa di San Giorgio”. La raccolta, in realtà, effettuata tramite tutta una serie di gabbellotti su vasta scala, chiedeva un gettito di denaro troppo esoso per una “Semplice Festa Patronale”. I dubbi che sorsero all’epoca dipesero anche dal fatto che non era mai accaduto, che personaggi di quel calibro, si mettessero a riscuotere personalmente queste forti somme di denaro. Gli inquirenti, infatti, sospettarono fosse servito a finanziare un progetto ancora più eclatante ma anche, come vedremo, terribile. La mattina del 1° maggio 1947, nella piana di Portella, alle 9:30, c’era già tantissima gente, arrivata in quel luogo, fin dalle 7:00. In quella splendida piana, però, c’erano appostati, fin dall’alba, gli uomini della banda Giuliano. Le loro “Principali Postazioni”, secondo le ultime ricostruzioni, furono almeno tre. Quella sul monte Pelavet, su cui c’era un gruppo di persone, capeggiato dallo stesso Giuliano, armato di “Moschetti-Modello 91”, “Fucili Automatici Americani” ed un “Fucile Mitragliatore Breda” con un “Tre-Piede”. Costoro, risalendo il Pelavet, quel giorno, si riunirono a un’altra frazione della banda formata da Salvatore Ferreri, (altrimenti detto “Fra-Diavolo”) dai fratelli Pianello e da altri picciotti. Il gruppo di Ferreri, a differenza di Giuliano, era armato con “Mitra Beretta Calibro 9”. Quella mattina, mentre Giuliano e i suoi si stavano preparando, (ormai l’abbiamo capito), alla loro terribile azione, sequestrarono quattro cacciatori che si trovavano a passare di li. Giuliano, pero, contrariamente a quanto si sarebbe dovuto fare in questi casi, (cioè eliminare possibili testimoni), decise di rilasciarli. L’astuto, ma giovane guerrigliero, però, prima di far questo, gli fece una “Strana Raccomandazione”: “Se vi Chiedono chi ha Sparato dite che eravamo in Cinquecento”. I fatti strani di quella mattina, però, non finirono li. La banda Giuliano, infatti, sempre quella mattina, buttò in un pozzo un semplice passante. Costui, infatti, forse, aveva visto troppo. Molti storici, infatti, in special modo negl’ultimi anni, hanno evidenziato l’esistenza di parecchi indizi che dimostrerebbero, con una certa ragionevolezza, che, intorno alla piana di portella, non c’erano soltanto i membri della banda Giuliano. Qualcun altro, infatti, era lì presente quel giorno. Costui, però, come vedremo, aveva ottimi motivi per non farsi riconoscere. Adesso, però, procediamo con ordine, raccontando, per prima cosa, i fatti storicamente accertati di quella tragica giornata. Il “Primo Oratore” di quella “Riunione Festiva”, avrebbe dovuto essere, secondo il programma, lo stesso Li-Causi. Egli, pero, fu bloccato all’ultimo minuto da “Importanti Impegni di Partito” (che fosse stato avvisato da qualcuno)? Il calzolaio Giacomo Schirò, viste le circostanze, fu iscritto a parlare. Assieme a lui, sul palco, c’era il sindacalista Vito Alliota. Schirò, però, non finì mai il suo discorso. Giuliano, infatti, non appena il calzolaio iniziò a parlare diede l’ordine di sparare. La folla radunata, non appena sentì i primi colpi, penso a dei mortaretti e iniziò ad’applaudire. Vito Alliota, però, subito dopo, quelle prime esplosioni, s’accasciò improvvisamente sul palco. Il gruppo di fuoco, in quella occasione, come in tante altre, si dimostrò di una “Spietatezza Glaciale”. Esso, infatti, arrivò perfino ad’abbattere, proprio come “Cani Randagi”, donne, uomini, bambini e alcuni muli. La sparatoria, infine, lasciò sul terreno 33 feriti e 12 morti di cui due bambini, di sette e dodici anni. La ricostruzione dei fatti di quel 1° maggio, resa pubblica dalla polizia, fu all’epoca curata dal maresciallo Lo-bianco. Egli, nel suo rapporto, indicò soltanto uno dei possibili “Punti di Fuoco” cioè quello sopra al Pelavet. In luogo, infatti, furono ritrovati sia i bossoli calibro 6,5 del mitra di Giuliano e sia i bossoli dei moschetti 91. In quel determinato posto, infine, furono ritrovati anche i bossoli dei fucili automatici di marca americana. I bossoli dei mitra beretta, invece, furono trovati sul “Monte Kumeta”. Il monte Kumeta, infatti, secondo l’ultima ricostruzione effettuata dall’“Associazione Vittime Portella della Ginestra”, era un altro “Punto di Fuoco”. Ferreri, col suo gruppo in sostanza, avrebbe fatto il giro della vallata, per appostarsi infine, proprio sul Kumeta. Questa particolare divisione dei compiti è stata recentemente comprovata da un’“Approfondita Analisi Medica” compiuta sul corpo di uno dei membri della suddetta associazione. I “Medici Legali del Policlinico di Palermo”, infatti, esaminando il torace di questo sopravvissuto, hanno scoperto che c’era ancora, in uno dei muscoli della suddetta parte del corpo, un proiettile calibro 9. Altri sopravvissuti hanno dichiarato d’aver visto sparare da un grosso canale posto sotto il Pelavet. In quel particolare settore, infatti, fu trovato nel 1997, un caricatore di un mitra beretta calibro 9. Altri testimoni, invece, hanno affermato d’aver visto sparare da dietro alcuni grossi massi che si trovano nella parte opposta rispetto a quella di piana degli albanesi. Quei grossi massi, inoltre, si trovavano sulla strada che collegava la piana degli albanesi con la masseria Kaggio. Tutti questi elementi appena posti in luce, però, ci portano a farci una domanda molto importante: la banda Giuliano fu realmente la sola a compiere la strage di Portella della Ginestra? Giuseppe Casarrubea, (presidente della suddetta associazione), aveva ipotizzato, qualche anno fa, basandosi su alcune testimonianze, il coinvolgimento della mafia. Giuliano, infatti, molto probabilmente, commise quel “Primo Orrendo Eccidio”e ne attuò, come abbiamo già visto, altri perché aveva avuto il compito di colpire, insieme alla mafia, i contadini che si stavano organizzando dopo la vittoria elettorale. Egli, infatti, come dimostrano recentissime ricerche, agiva per conto di “Precisi Mandanti Politici” che volevano sfruttare il terrore contro i contadini ed i sindacalisti. La banda Giuliano, infatti, secondo tali ricerche, eseguì quell’“Assurdo Bagno di Sangue”, insieme a una “Pattuglia della X Mas” Sbarcata a Palermo in gran segreto. La “Missione Siciliana” e le altre incursioni contro i “Rossi” in varie città d’Italia erano state programmate da quattordici mesi. Lo testimonia un “Cablogramma” datato 12 febbraio 1946, (già menzionato), indirizzato al “War Department” e firmato da Angleton in persona nel quale scrisse: “Ho bisogno immediatamente di almeno dieci agenti per aprire basi a Napoli, in Sicilia, a Bari e a Trieste”. Il documento, infine, terminava affermando che, come abbiamo già posto in luce, essi dovevano essere sottoposti ad un addestramento intensivo perchè servivano per operazioni militari.

Il coinvolgimento della X Mas, nei fatti di Portella, è testimoniato da alcune schegge, di alcuni colpi di “Lanciagranate”, ritrovate in alcuni cadaveri di persone morte in quell’occasione. Questo particolare tipo di arma, infatti, all’epoca, come oggi, era posseduto soltanto dai militari. Alcuni sopravvissuti, infine, hanno dichiarato di aver sentito, subito dopo la fine dell’“Infernale Sparatoria”, gridare “Urrà”! Questo particolare grido di vittoria, guarda caso era proprio quello usato dagli uomini della X Mas. La collaborazione tra Giuliano e Borghese nacque, a questo punto è ragionevole pensarlo, grazie alla lettera ricevuta dal bandito tramite la famiglia. In quel particolare documento, infatti, vi era, (secondo il mio modesto parere), la promessa, da parte delle più alte gerarchie militari americane, di supportare il bandito nella “Sua Avventura Separatista” se il “Giovane Guerrigliero” le avesse aiutate a fare “Piazza Pulita dei Comunisti” in Sicilia. Questa particolare tipologia d’accordo, a mio parere, è testimoniata da tre elementi per me decisivi: l’ingentissima riscossione di denaro organizzata dai mafiosi tramite i gabbellotti di cui abbiamo già parlato (dovevano raccogliere soldi per rifinanziare un rinnovato EVIS). La strana richiesta di Giuliano ai quattro cacciatori di dire che la sua banda era formata da cinquecento uomini (Giuliano voleva alimentare l’immagine di un movimento separatista ancora forte). La presenza, su i luoghi degli attacchi alle sedi dei partiti di sinistra, (Partinico, San Cipirrello e etc) di un cartello con sopra scritto: “Siciliani l’Ora Decisiva è Scoccata. Chi non vuole essere, Facile Preda, della Canea di Rossi, E’ Necessario che Oggi si decida. Quegl’Uomini che Vogliono Buttarci in Grembo alla Russia, dove la Libertà E’ una Chimera e la Democrazia, una Leggenda, Devono Essere Combattuti. Io ho Assunto questo Impegno, ma E’ Necessario che tutti i Fratelli Siciliani mi Seguano per aprire un Nuovo Ciclo di Storia, Veramente Gloriosa che dovrà Redimerci, Rendendoci Degni di questa Nobile Sicula Terra”. Giuliano, subito dopo le stragi, stranamente, si sentì amato e protetto dalla gente. La sua vecchia amicizia con la mafia, però, finì di punto in bianco. I membri della sua banda, infatti, nell’ultimo periodo della loro “Sanguinaria Avventura”, sembrarono perseguitati da una “Strana Sfortuna”. I carabinieri, in sostanza, portarono a compimento una serie di azioni che fecero sgretolare, in pochissimo tempo, tutta la banda. Tutto ciò fu il frutto di “Mere Coincidenze” oppure il risultato di un lavoro ben fatto?! Le forze dell’ordine, immediatamente dopo i suddetti eccidi, riuscirono, grazie a un paziente lavoro di persuasione, ad avere collaboratori all’interno della stessa stretta cerchia di amici di Giuliano. Il primo collaboratore, proveniente dalla banda Giuliano, fu Fra-Diavolo. Ferreri, in realtà, dopo la fine dell’“Avventura Separatista”, aveva deciso di rifugiarsi a Firenze. L’ispettore Messana, non appena scopri dove si nascondeva, comprese benissimo che Ferreri s’era trasferito a Firenze perché stufo di fare sempre quella vita: continuamente braccato dalla polizia. L’anziano e scaltro poliziotto, però, facendo leva proprio su questo, (tramite il padre del giovane), riuscì a farlo ritornare in Sicilia, giusto in tempo, per l’“Affare di Portella”. Il 26 giugno 1947, però, Ferreri e il suo gruppo furono eliminati dalla scena tramite un conflitto a fuoco in circostanze mai chiarite. In quel particolare scontro, è bene precisarlo, morì anche il padre di Ferreri che, molto probabilmente, aveva avuto solo la sfortuna d’aver incontrato Messana un paio di volte e basta. La presenza di Fra-Diavolo, in sostanza, serviva, soltanto, a controllare che Giuliano compisse le stragi a sfondo politico. Una volta, però, assolto quel compito Fra-Diavolo, diventava un “Testimone Scomodo”. I collaboratori di Messana, però, in quell’occasione, non ebbero, molto probabilmente, l’opportunità di mirare bene. Ferreri, infatti, morì, soltanto, qualche ora dopo in caserma per mano del “Tenente Roberto Gianlombardo”. Fra-Diavolo, infatti, secondo la versione ufficiale, mentre era interrogato, aggredì Gianlombardo riuscendo a sfilargli la “Pistola d’Ordinanza” e a tentare di sparare. Gianlombardo, però, (grazie al fatto che c’era la sicura), riuscì a prendere una “Beretta 6, 35” e a uccidere Ferreri colpendolo due volte in mezzo agl’occhi. Nella versione ufficiale, però, ve ne sarete accorti anche voi, c’è qualcosa che non torna: qual è, infatti, il motivo per cui, Gianlombardo, sparò a Ferreri ben due volte sulla fronte, piuttosto che sul braccio o su una gamba? Una plausibile spiegazione potrebbe essere che Gianlombardo, dopo aver finito d’interrogare Ferreri, con la “Silenziosa Complicità” dei suoi colleghi, l’abbia ucciso e poi inscenato la “Legittima Difesa”. Lo stesso giorno della morte di Ferreri e del suo gruppo, inoltre, morirono altri cinque persone sempre appartenenti alla banda Giuliano. Un’altra spia, molto importante per la storia che stiamo raccontando, fu il mafioso, (vi prego di non ridere quando leggerete il suo nome), Benedetto Minasola. Minasola, all’inizio, era un confidente di Lo-bianco. Lo-bianco aveva agganciato il giovane malvivente, tramite un’estenuante opera di persuasione. Minasola, infatti, alla fine decise di collaborare e di consegnare Giuliano ai carabinieri dicendo al suo amico Lo-bianco queste esatte parole: “Io ci tenterò, ma Bada che c’Andrà di Mezzo la mia Vita, ma anche la tua”. Questa particolare collaborazione tra Minasola e Lo-bianco, anche se fruttuosa, durò pochissimo. Lo-bianco, infatti, pur riuscendo a farsi consegnare, tramite questo particolare accordo, alcuni componenti della banda Giuliano, (fingendosi un amico di nome “Don Peppino”), fu scalzato dalla direzione delle indagini. Questo successe, sempre secondo Lo-bianco, perché il colonnello Ugo Luca, aveva una sola preoccupazione: quella di essere, lui stesso, l’assoluta protagonista della cattura di Giuliano. Costui, infatti, quando vide che il lavoro intrapreso da Lo-bianco, stava portando a buonissimi risultati, diede a Lo-bianco un ruolo di secondo piano, mentre, nominò Perenze, suo fidato amico, capo delle operazioni. Giuliano, nell’ultimo periodo della sua vita, (grazie al lavoro compiuto da Lo-bianco con Minasola), fu molto preoccupato. Egli, infatti, insospettito dalla scomparsa di molti dei suoi uomini, mandò a prendere Minasola per interrogarlo. Costui, incalzato dalle orribili accuse di Giuliano, alla fine, decise di confessare: a tradire, il famoso capo-banda, disse Minasola, erano stati, in realtà, i “Fratelli Miceli” cioè i boss mafiosi della sua zona di pertinenza. La mafia, infatti, subito dopo le stragi, sembrò aver dimenticato completamente Giuliano e la sua banda; quasi come se fosse stato un oggetto vecchio e ormai inutile. Giuliano, non appena sentì una “confessione Convincente” se né andò dicendo a chi aveva scortato Minasola fin lì d’ucciderlo. Minasola, però, non appena rimase solo, con quello che avrebbe dovuto essere il suo “Carnefice”, offrì all’altro una congrua via d’uscita per entrambi: consegnare Giuliano alle forze dell’ordine. I due discussero animatamente. L’uomo di fiducia di Giuliano, a un certo punto, prese un pugnale e col sangue agl’occhi stava quasi per sgozzare Minasola come un maiale; poi, però, guardò in faccia Minasola e tirò un lungo respiro e lasciando cadere l’arma, s’accasciò sulla sedia, dicendo, col viso pieno di lacrime, qualcosa del genere: dimmi, che cosa dobbiamo fare? Quell’uomo, infatti, che rispondeva al nome di Gaspare Pisciotta, non aveva aggredito Minasola, in quel modo così violento, per rispettare l’ordine di “Suo Cugino Turiddu”, ma perché Minasola, con la sua proposta, aveva contribuito a mettere a nudo, una volta per tutte, l’anima dello stesso Pisciotta: quella di un “Debole”, un “Vigliacco”. Pisciotta, infine, avendo accettato la proposta di Minasola, lo seguì dai carabinieri. Minasola, infatti, lo presentò a Lo-bianco, che a sua volta lo presentò al colonnello Luca che, sempre a sua volta, lo presentò a Perenze. Quest’ultimo, per conquistarsi la fiducia di Pisciotta, lo portò dal dottore, perché il guerrigliero era ammalato di tubercolosi, dopodiché lo invitò ad alloggiare a casa sua. La sera del 4 Luglio 1950, secondo il rapporto 213/24 del 9 Luglio, (indirizzato al comando Forze Repressione del banditismo in Sicilia-Gruppo Squadriglia Centro), Giuliano, Pisciotta e un altro amico mangiarono a casa dell’avvocato De-Maria. A tarda notte, finito di mangiare, uscirono dalla casa e si incamminarono verso la macchina; a tal punto il terzo uomo s’accorse che c’erano appostati nei dintorni alcuni uomini armati e incomincio a sparare. Giuliano apri a sua volta il fuoco. Pisciotta, invece, scappo con le scarpe in mano nei vicoli di Castel Vetrano. Giuliano, ferito a un fianco, continuando sempre a sparare si riparò dietro un lampione che gli illumino il volto e diede cosi l’occasione al capitano Perenze di riconoscerlo e dargli il colpo di grazia. L’analisi della fotografia del corpo di Giuliano, uscita il giorno dopo su tutti i quotidiani, pone però, in luce molte discrepanze nella versione ufficiale; il corpo di Giuliano infatti aveva un sandalo slacciato, la cintura dei pantaloni che saltava due passanti, delle escoriazioni sulle braccia come se fosse stato trasportato sotto braccio e la canottiera sporca di sangue sulla schiena. La domanda sorge spontanea, come ha fatto a sporcarsi la canottiera solo sul retro, mentre il rapporto ufficiale affermò che Perenze lo sparò di fronte? Il cadavere secondo il primo rapporto non fu trasportato, mentre le escoriazioni dimostrano il contrario. Cosa è successo in casa De-Maria?

Andiamo per ordine. Quella sera, Pisciotta, si fece accompagnare da Perenze vicino alla casa dell’avvocato e fece un tratto di strada a piedi per non farsi scoprire da Giuliano. Turiddu, in realtà, aspettava con in pazienza il cugino perché aveva saputo da Verdiani che il suo “Braccio Destro” s’era messo a collaborare con i carabinieri. Giuliano, infatti, aveva organizzato quella cena, forse proprio per capire le ragioni che avevano spinto il suo congiunto a tradirlo e magari organizzare una bella trappola per i carabinieri. La cena di Giuliano, che fu consumata insieme a un altro convitato, il mafioso Giuseppe Marotta, era a base di Pane, Formaggio, Olive e Vino. Giuliano, però, non sapeva che il suo bicchiere di vino era drogato. Turiddu, infatti, appena bevve l’ultima sorsata crollò sul letto messo a disposizione dal “Padrone di Casa”. Pisciotta, senza farsene accorgere, seguì il cugino. Egli, infatti, stava per compiere una delle azioni più atroci e vigliacche che si possono immaginare. Il congiunto di Giuliano, però, prima fece entrare nella stanza un altro mafioso Nunzio Badalamenti e lo aiutò a recuperare alcune carte scritte dal cugino. In quegl’ultimi tempi, infatti, Giuliano, molto probabilmente, aveva tenuto un “Diario Giornaliero” delle sue attività. Pisciotta, poi, (verso le 3:15 del 6 luglio), sparò mortalmente a Giuliano sul fianco sinistro del corpo mentre dormiva. Pisciotta, infine, corse da Perenze che stava aspettando il segnale di Pisciotta per avere l’opportunità d’intervenire con tutti i suoi uomini e disse: “Ho Dovuto Sparagli”. Perenze, fattosi raccontare la “Storia” da Pisciotta, decise di confezionare la “Prima Versione Ufficiale”. Egli, infatti, aiutò Pisciotta a rivestire Giuliano, a portarlo in strada per metterlo in posa per la foto e scaricando, infine, sul cadavere una “Raffica di Mitra”. Tutto ciò, sembrerebbe confermato dalla privilegiata di Franco Grasso che all’epoca era responsabile della cronaca della testata giornalistica “La Voce della Sicilia”. Le cose, però, quella sera andarono veramente così? Giuseppe Casarrubea, in una sua intervista rilasciata alla RAI, qualche tempo fa, riportò una dichiarazione dell’avvocato De-Maria che dice di aver incontrato, a un certo punto della notte, lo stesso Pisciotta che disse: “Avvocato Stanno Sparando”. Questa particolare dichiarazione, in buona sostanza, se fosse stata resa all’epoca in un tribunale, forse avrebbe scagionato Pisciotta dall’omicidio del cugino. oltre a porre due domande molto importanti: chi ha ucciso Salvatore Giuliano? Quale sarebbe stato il movente di questo delitto a sangue freddo? Giuliano e Ferreri, in buona sostanza, ormai sapevano troppe cose e furono, come abbiamo appena visto, uccisi in circostanze misteriose che coinvolgevano rispettivamente il tenente-colonnello Roberto Gianlombardo e dal capitano Antonio Perenze entrambi comandati dal colonnello Ugo Luca braccio destro dell’ispettore di polizia Ettore Messana che a sua volta eseguiva ciecamente gl’ordini del ministro Mario Scelba. Il ministro Mario Scelba, il ministro Salvatore Aldisio e il sottosegretario Bernardo Mattarella, tutti siciliani, erano discepoli prediletti di Don Luigi Sturzo che esule in America manteneva i contatti con i suoi pupilli in Sicilia grazie ad un giovane ufficiale dei servizi segreti americani Joe Calderon. Calderon, attraverso Angleton, era agli ordini di William Donovan. William Donovan, altrimenti detto Wild Bill, prima della seconda guerra mondiale faceva il consulente per il presidente americano, ma poi diventò Wild Bill. Costui era un tipo tarchiato, grosso, deciso, completamente privo di scrupoli ed era collaboratore di Harry Truman, presidente degli Stati Uniti d’America, che era pronto ad intervenire in ogni nazione in cui si presentava un “Pericolo Comunista”. Pisciotta in carcere fece delle dichiarazioni che coinvolgevano nella organizzazione della strage di Portella sono stati: Bernardo Mattarella, Leone Marchesano, Cusumano Geloso, e il principe Giovanni Francesco Alliata. Costui era amico e pupillo di Padre Felix Morlion, il quale era il fondatore della “Prudon”, che era il servizio segreto dei cattolici europei con sede a Lisbona, negli Stati Uniti e nel Vaticano. Costoro erano collegati con Donovan attraverso Giambattista Montini, capo del servizio segreto del vaticano sotto il pontificato di “Pio XII”: il Papa che lanciò la crociata Anticomunista nel mondo. Il segretario particolare di Montini era Giulio Andreotti, che un mese dopo i fatti di Portella, diventò sottosegretario del primo Governo presieduto da Alcide De-Gasperi senza i comunisti. De-Gasperi, infatti, era andato in America a ricevere i soldi del piano Marshall da Harry Truman che, però, gli aveva imposto di cacciare i comunisti dal Governo. L’eliminazione di Giuliano segnò anche la chiusura del suddetto comando speciale dei carabinieri in Sicilia. Pisciotta, dopo la morte di Giuliano, restò sotto la protezione dei carabinieri. Egli, infatti, riuscì anche a partire per Roma con l’intento di parlare con alcuni uomini politici per non finire in carcere. Egli, infatti, dopo aver avuto tutte le rassicurazioni del caso, tornò a Monte-Lepre dove teneva la famiglia e la fidanzata. Pisciotta, in sostanza, sotto la protezione dei carabinieri si sentiva tranquillo. Un giorno, però, la polizia, forse grazie a una soffiata, andò a catturarlo. Il suo arresto fu eseguito dal questore di Palermo in persona. Il processo per la strage di Portella della Ginestra si tenne a Viterbo nel 1952. Pisciotta, condannato in primo grado all’ergastolo per i fatti di Portella, si sentì tradito e annunciò che avrebbe detto tutto al “Processo d’Appello”. Egli, infatti, scrisse quattordici quaderni d’appunti. Nei primi giorni di febbraio del 1954, Pisciotta, fu ricevuto dal sostituto procuratore di Palermo, Pietro Scaglione. Scaglione, però, in quel determinato incontro non verbalizzò nulla per sicurezza. Scaglione, infatti, promise di tornare dopo qualche giorno per registrare le dichiarazioni del detenuto. Il giudice Scaglione, però, non fece mai in tempo. Pisciotta, infatti, morì il 9 febbraio 1954 avvelenato dalla Stricnina che fu messa nel medicinale per la tubercolosi. La sua morte chiuse, forse per sempre, il coperchio su uno dei più oscuri misteri d’Italia.

Antonio Aroldo