CNN

Si è verificato un errore nel gadget

Cerca nel blog

Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget

Pagine

Si è verificato un errore nel gadget

i Governi Nazionali Devono controllare il Web?

Loading...

giovedì 26 aprile 2018


 

[1] “Un Patriota Morto”

[2]Il Generale Reynolds aveva personalmente condotto la Carica spingendosi sin dentro le prime Linee, tra gli alberi del Territorio McPherson. Questo perché, il coraggioso Unionista, volle lanciarsi all’inseguimento del Nemico ormai sbaragliato. In quel preciso momento, però, un soldato di nome William Napier fu ferito e cadde a terra morto. Costui, tanto per farla breve, si dimostrò, così sprezzante del Pericolo, che il Generale Hunt lo apostrofò con il titolo di “Sir”. Secondo gli analisti, infatti, nessun’altra persona morì sul quel dannato Campo, mostrando tanto Ardimento in Battaglia.

Antonio Aroldo

    the_end


 

 



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] Storia della Guerra Civile Americana di Raimondo Luraghi: Giulio Einaudi- pagina 843-45
 

[1] “La Mano Nascosta del Diavolo”

[2]Hermann Göring, su ordine del Fuhrer Tedesco Adolf Hitler il 26 apr. 1936, creò la famigerata Gestapo. Sto parlando, cioè, dei terribili Servizi Segreti Nazisti. Un’organizzazione, almeno secondo gli esperti di questo settore, perfetta e a dir poco Capillare. Essa, dopo un po’ però, passò sotto il diretto controllo di Henrick Himmler, ossia il Capo delle “SS”. Un Infernale Corpo di Polizia Segreta che fece molte vittime in tutti i Paesi Occupati e anche in Patria fino alla primavera del 1945 e, quindi, sino alla conclusione del Conflitto in Europa.

Antonio Aroldo

    the_end


 

   



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] http://www.raiplay.it/dirette/raistoria
 
 

mercoledì 25 aprile 2018


[1] “Una Grande Olimpiade poco Ariana”

[2]La Città di Berlino nel 1936, ospitò l’11 olimpiade: la prima dell’Era Moderna, interamente filmata dalla Regista Leni Riefenstahl che seguì, questa specifica manifestazione sportiva, con molta professionalità andando contro i Desideri di Adolf Hitler. Il Fuhrer Tedesco, infatti, avrebbe voluto che si fossero filmati molto di più gli Atleti Tedeschi. La suddetta Regista, invece, era impressionata dalla Fisicità e Potenza di Jessie Owens, ossia l’Afro-Americano vincitore di ben 4 Medaglie d’Oro tra cui pure il “Salto in Lungo”; per la Riefenstahl, in altre parole, era, lui, in quel momento il “Vero Ariano”.     

Antonio Aroldo

    the_end


 

 



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] https://www.youtube.com/watch?v=fizML_QHOOo

martedì 24 aprile 2018


[1] “Lo Scontro Continua”

[2]Ormai, però, c’era poco da fare: il Combattimento era iniziato e le due Brigate Confederate Archer e Davis già premevano energicamente contro gli uomini di Buford. Esse, infatti, stavano quasi per impadronirsi del Boschetto McPherson. Reynolds, allora, decise di scatenare la divisione Wadsworth che era appena arrivata sul Campo di Battaglia. Erano le 11 del mattino. Le Fanterie Unioniste urtarono furiosamente contro i Sudisti comandati da Generale Heth ributtandoli indietro e riconquistando, nuovamente, la Posizione. Lo stesso Generale Archer, infatti, fu preso prigioniero.

Antonio Aroldo

    the_end


 

  



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] Storia della Guerra Civile Americana di Raimondo Luraghi: Giulio Einaudi- pagina 843-44

[1] “Un Inferno Chiamato Roma”

[2]I Lanzichenecchi, come sapete già tutti- all’inizio del maggio 1527, marciarono su Roma per volere di Carlo V che voleva da Papa Clemente VII il riconoscimento della Sua Corona Imperiale. La Città Eterna, per dirla in breve, fu quasi distrutta dalla Furia Devastatrice di un esercito di Mercenari, per la maggior parte tutti Tedeschi Luterani che consideravano, quel luogo, come la Città di Satana. La Distruzione e le Ruberie di quei giorni, portarono molti morti fra Invasori e Cittadini Romani. L’Esercito Invasore, inoltre, lasciò il Paese senz’Acqua e questo portò all’Insorgenza del Virus della Peste.

Antonio Aroldo

    the_end


 

  



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] http://www.raiplay.it/dirette/raistoria
 
 

lunedì 23 aprile 2018


[1] “La Lupa dalle Zampe Sporche”                                                        “Gli Studi di un Grande”

[2]Giordano Bruno, tra Riforma Protestante e Contro-Riforma Cattolica, proponeva una terza via. Il Cristianesimo, infatti, per lui non andava riformato, ma semplicemente Archiviato per tornare alla Verità. Il nostro protagonista, difatti, non era interessato alla Teologia, ma era entrato in Convento, come molti del resto, soltanto per poter Studiare. Egli, per chiarirci, si interessava di tutto un po’ ed era un Lettore Insaziabile. Egli, cioè, aveva mille interessi e adorava gli autori classici, filosofi, ma anche studiosi che avevano analizzato il rapporto tra “Magia” e “Natura”, come Marsiglio Officinio e i “Neo-Platonici”.

Antonio Aroldo

    the_end


 

 



[1]Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] https://www.youtube.com/watch?v=7bw723HqkHY
[1] “Eventi ed Intenzioni Bellicose”
[2]Reynolds, poi, si recò sulla Linea del Fuoco. La Battaglia, così, era iniziata per iniziativa di due Comandanti di Corpo d’Armata senza che fosse stato udito il parere dei loro rispettivi Capi Supremi. Il Generale Meade, infatti, avrebbe preferito attendere il Nemico più a Sud di Gettysburg, ossia lungo un piccolo fiume chiamato “Big Pipe Creek” che offriva una Bellissima Posizione e che, inoltre, copriva Washington e Baltimora senza esporre le Ali dell’Armata. Lee, invece, avrebbe voluto attaccare, sempre nella zona di Gettysburg, ma preferiva combattere con l’arrivo della Cavalleria del Generale Stuart e conoscere la dislocazione delle Forze Avversarie.
Antonio Aroldo
    the_end

 
 
 


[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] Storia della Guerra Civile Americana di Raimondo Luraghi: Giulio Einaudi- pagina 843-44