CNN

Si è verificato un errore nel gadget

Cerca nel blog

Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget

Pagine

Si è verificato un errore nel gadget

i Governi Nazionali Devono controllare il Web?

Loading...

giovedì 10 dicembre 2015

“La Sacra Mazziata”


[1] “La Sacra Mazziata”

[2]Il monaco Saitò Musashibò Benkei, prima del suo estremo sacrificio, dovette compiere un altro atto, ugualmente eroico e che, ancora una volta, dimostra tutta la sua forza di carattere e tutto il suo coraggio. Il nostro protagonista, infatti, un giorno, nel bel mezzo della guerra, dovette scortare il figlio del suo amato Signore in un posto sicuro per il resto del conflitto fratricida. Una cosa, questa, che si poteva fare solamente attraversando le linee nemiche. Benkei, allora, per riuscire a compiere questa sua missione, fece vestire tutte le persone del gruppo da umili servitori del suo Tempio. Il nobile principino, però, di 15-16 anni appena, sbagliò il modo di mettersi un determinato indumento; ma nessuno, almeno all’inizio, gli disse qualcosa, perché lui era, in effetti, il loro capo.  Quella scelta fu per il nobile ragazzo, qualcosa di deleterio. Quel piccolo gruppo, difatti, quando si trovò davanti al comandante dell’esercito nemico che presidiava la nuova frontiera, uno dei motivi per cui andò in difficoltà, era l’abbigliamento del suo protetto. Benkei, quando il comandante gli chiese spiegazioni sul modo di indossare gli abiti di quel singolo servitore, lo [3]shaolin, non sapendo cosa inventarsi, si mosse di scatto, impugnò un grosso bastone e pestò a sangue il blasonato giovane davanti agli atterriti occhi dei nemici che li fecero passare tutti e subito. Il nostro eroe, poi, lungo la strada si mise a piangere come un bambino e andò a scusarsi. Il patrizio giapponese, saggiamente, gli rispose: “Se tu non avessi reagito così, tutti noi a quest’ora, saremmo stati uccisi”. I nostri genitori, allo stesso modo, quando ci picchiano, il più delle volte, lo fanno per il nostro bene e poi di nascosto piangono.

Antonio Aroldo

    the_end


 

 



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del Presente Articolo
[2] https://it.wikipedia.org/wiki/Sait%C5%8D_Musashib%C5%8D_Benkei
[3] https://it.wikipedia.org/wiki/Sh%C3%A0ol%C3%ADn-s%C3%AC

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate tutto e passate Parola