CNN

Si è verificato un errore nel gadget

Cerca nel blog

Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget

Pagine

Si è verificato un errore nel gadget

i Governi Nazionali Devono controllare il Web?

Loading...

giovedì 2 aprile 2015

Caccia alle Streghe


 

[1] “L’Isteria della Caccia alle Streghe:

Un Piccolo Caso in Italia”

Quando si parla di [2]Magia, si tende, comunemente, a vederlo come un fenomeno omogeneo, ma che invece, è stato sempre un qualcosa di veramente eterogeneo e di variegato e che, in base al tempo e allo spazio. Nel mondo greco-romano, per esempio, la stregoneria era permessa. La legge, infatti, a quei tempi tendeva a colpire tutte le conseguenze negative che ne potessero derivare. Un caso esplicativo di quest’atteggiamento è quello della ragazza che si fa dare un filtro d’amore per sposarsi col vicino di casa, ricavandone invece, per il soggetto prescelto, soltanto un mal di pancia. In quel caso si colpiva chi aveva arrecato danno alla persona. Nel medioevo, le cose cambiano, perché si rivoluziona il metodo d’approccio. La gente cioè, spinta dalle autorità Cristiano-Cattoliche, modifica il suo rapporto con il mondo della magia, dell’occulto nel senso metafisico, nel senso esoterico e nel senso teologico. Un mondo che, fino al giorno prima, era “amico” diventò poi “Nemico”, una mera manifestazione del Demonio. Il popolo, cioè, iniziò a incolpare, le persone che sapeva appartenere a quel determinato mondo, di qualsiasi cosa: dei malanni dei figli, delle carestie e quant’altro. Un buon esempio di tutto ciò fu il caso delle streghe di Triora, paese dell’entroterra ligure colpito da una [3]forte carestia dovuta all’elevato costo delle derrate alimentari. La più famosa, di queste sapienti donne, fu Franchetta Borrelli che si buttò giù dalla finestra di casa del suo inquisitore, ovverosia Giulio Scribani, scomparendo letteralmente dalla circolazione. Quest’ultima, per chiarirci, fu accusata di praticare la Magia Nera e di fare Filtri d’Amore col Curaro. Il suo corpo, cioè, non è mai stato ritrovato. La gente, difatti, credette che si fosse salvata grazie all’intervento del Diavolo. Meno male che oggi il popolo non crede più a queste sciocchezze, altrimenti con la crisi che attanaglia da qualche tempo il nostro paese, sarebbe già tutto andato a male.

 

 

     Antonio Aroldo

    the_end


 

 



[1] Tutti i Diritti sono Riservati al Firmatario del  Presente Articolo
[2] https://www.youtube.com/watch?v=5JU_KC4ftJ0
[3] https://www.youtube.com/watch?v=QIyAvV0wXGQ

Nessun commento:

Posta un commento

Commentate tutto e passate Parola